Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’AS Roma vale 63,4 milioni, il resto è debito. Interviene la Consob

L’86,6% del club è stato valutato poco più di 60 milioni

Su richiesta della Consob, Friedkin Group ha confermato oggi in una nota che il corrispettivo pattuito per l’acquisizione dell’86,6% dell’AS Roma è di 63.414.047 euro corrispondenti a un prezzo unitario di 0,1165 euro per azione. Una volta perfezionato il contratto di acquisto, il cui closing è previsto per il 17 agosto, sarà promossa, un’offerta pubblica di acquisto sull’intero capitale della società, sempre al valore di 0,1165. Nello specifico, l’operazione sarà effettuata attraverso una cessione a Friedkin dell’intera partecipazione detenuta da AS Roma Spv Llc, di cui in forma diretta per il 3,3% e una indiretta dell’83,3% detenuta da AS Roma Spv Llc attraverso la controllata Neep Roma Holding Spa.

Friedkin rileverà il 100% del capitale di Neep e il 100% del capitale di ASR Soccer LP Srl e di ASR Retail Tdv Spa. L’operazione, sul fronte delle azioni a Piazza Affari, vale 63,4 milioni di euro.

AS Roma Spv Llc ha assegnato un enterprise value all’intera operazione di 591 milioni di euro, valutando il club 549 milioni, con un mix equity value complessivo di 73,26 milioni determinato sulla base del prezzo per azione moltiplicato per 628.882.319 azioni emesse, cui aggiungere 413,079 milioni di indebitamento. L’operazione dovrebbe concludersi entro la fine di agosto e comporterà l’obbligo per Friedkin di lanciare un’offerta pubblica obbligatoria sulle azioni in circolazione del club, che rappresentano il 13,4% del capitale sociale. Lo scrive Milanofinanza.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa