Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Juan Jesus: “Roma-Barcellona indimenticabile. Futuro? Quel che succede, succede”

Spalletti

Le parole del brasiliano

Juan Jesus, difensore della Roma, è stato intervistato da Sky Sport all’indomani della sconfitta del Barcellona col Bayern Monaco in Champions League. Il brasiliano fu uno dei protagonisti della storica rimonta della Roma ai danni dei blaugrana di due anni fa:

La partita di ieri?
“8-2 è un risultato strano, il Bayern ha giocato grandissima partita”.

Roma-Barcellona è la partita per i tifosi giallorossi.
“È una partita indimenticabile. Abbiamo preparato quella gara come una battaglia. Negli ultimi tre allenamenti abbiamo fatto benissimo e giocato di squadra. Si può battere il Barcellona solo di squadra. Non è possibile mettere in discussione Messi, se lo lasci giocare può fare quello che vuole e vincere da solo”.

Come hai fermato Messi?
“Ero un po’ nervoso. Grazie ai compagni, De Rossi, Manolas e Kolarov, che mi hanno incoraggiato, mi hanno detto di fare la mia partita senza paura”.

L’anno dopo il Barcellona ha fatto lo stesso errore col Liverpool. Cosa scatta in un giocatore?
“Sì, può capitare. Nessuno si aspettava la vittoria della Roma contro il Barcellona. Però se sei pronto per la partita, credo sia difficile la rimonta come successo al Barcellona”.

Messi?
“Parlo da giocatore: se non abbiamo la testa a posto e non siamo tranquilli, non basta solo il talento. Non si possono dare le colpe solo a Messi, non gioca da solo. Se non riesci a trovare giocatori in grado di far cambiare una partita insieme a Messi, allora è dura”.

Se Messi dovesse venire in Italia, sapresti già come fermarlo.
“Sì, ho tutto il compito scritto. Basta leggere prima della partita. Messi è il migliore del mondo, quella sera andò tutto bene ma Messi è Messi”.

La ruota alla fine l’hai cambiata?
“Sì, ho preso il marciapiede perché ero deconcentrato. Con Ibanez abbiamo cambiato la ruota”.

Non ti chiedo nulla sul futuro, della Sardegna…
“Buon ferragosto a tutti. Quest’anno è un anno atipico, speriamo tutto possa andare bene da qui in poi. E sul futuro quello che succede, succede”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra