Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko-Juve, accordo con la Roma. Atteso il sì di Milik per il via libera

Ad un passo la svolta tra numeri 9

In un ramo del lago di Como, lontano dalle usuali vetrine milanesi, si è lavorato perché si facessero due matrimoni di mercato. Mercoledì a Cernobbio, subito dopo l’ennesimo appuntamento a Milano tra Paratici e Fienga per parlare di Edin Dzeko (e non solo) in bianconero, la Roma e Arkadiusz Milik, rappresentato dal suo procuratore, si sono scoperti promessi sposi: intesa di massima sull’ingaggio (4,5 milioni netti a stagione più bonus), diritti d’immagine, durata del contratto (quadriennale) e numero di maglia (il 9) in giallorosso. Con la benedizione del Napoli: scambio secco con Cengiz Under e il giovane Alessio Riccardi per una valutazione complessiva di 40 milioni da una parte dell’altra. Sposi sì, ma per ora solo promessi: manca il sì definitivo di Milik, che da tempo aveva fatto la bocca alla Juve e ora vuole riflettere sul cambio di destinazione.

Una risposta arriverà a stretto giro di posta, magari dal ritiro della Polonia (dove oggi è atteso Milik). Più o meno anche quando sarà chiaro il destino di Dzeko, il primo tassello di questo mosaico. Ieri a Milano nuovo incontro tra Roma e Juve: accordo sulla valutazione del cartellino di 18 milioni, lavori in corso su come strutturare l’intera operazione (con possibili scambi). Il bosniaco, ieri accompagnato dalla moglie Amra (in dolce attesa) a sostenere il tampone a Trigoria, è tentato dal richiamo di Pirlo: ragionamenti in corso anche sul contratto (attualmente di due anni da 7,5 milioni più 500mila di bonus a stagione). Lo scrive “La Stampa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa