Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Bavagnoli: “Importante ritrovarci analizzando i nostri errori”

“Non esistono partite facili, contro nessun avversario, tanto meno contro il Bari che ha sempre dimostrato grande capacità”

L’allenatrice della Roma Femminile Elisabetta Bavagnoli ha parlato al canale Twitter giallorosso in vista della prossima sfida di campionato che vedrà le sue ragazze impegnate contro la Pink Bari, squadra neopromossa in Serie A Femminile.

Che gara si aspetta contro la Pink Bari?
“Non esistono partite facili, contro nessun avversario, tanto meno contro il Bari che ha sempre dimostrato grande capacità, tanta voglia di dimostrare il proprio valore. Mi aspetto una gara tosta e mi aspetto la reazione delle mie giocatrici dopo una settimana in cui abbiamo preparato ogni dettaglio. Mi aspetto una gara bella da vedere e da giocare, con tutta la grinta e la determinazione che dovremo avere domenica”.

Come siete ripartite dopo il pareggio di Sassuolo?
“Era importante ritrovarci analizzando i nostri errori e la nostra interpretazione in alcuni momenti della gara contro il Sassuolo e il nostro atteggiamento. Lo abbiamo fatto, abbiamo metabolizzato le cose che abbiamo fatto male e quelle che abbiamo fatto bene. Era importante avere una reazione e durante la settimana di allenamento c’è stata, andremo a verificarla in questa seconda partita. Non dimentico che nessuna partita è facile. Ci può anche stare che dopo cinque mesi potessimo non riuscire a fare alla perfezione tutto quello che ci eravamo prefissate di fare. Dopo aver analizzato ora bisogna fare un passo in avanti. Lo step me lo aspetto sempre dal punto di vista della mentalità e questo le ragazze lo sanno, ci lavoriamo tanto”.

Sotto quale punto di vista la squadra deve crescere di più?
“Abbiamo tanti talenti giovani e c’è bisogno di avere pazienza per fare crescere le ragazze giovani. Abbiamo lavorato su tutte le lacune che abbiamo avuto anche dal punto di vista tattico. Se mi chiedete uno step in più che vorrei vedere, dico a livello di mentalità. Bisogna avere sempre coraggio, sempre senso di responsabilità, a partire da me, per sapere sempre cosa bisogna fare, in campo e fuori, anche quando le cose si mettono male. Bisogna avere forza e coraggio per riuscire a leggere tutte le situazioni”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile