Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, ora Dzeko dipende da Milik

Il polacco attende il via libera da Dzeko

Non essendosi incontrati Fienga e Dzeko hanno fatto il punto della situazione al telefono. Il CEO ha ribadito la posizione del club: se vuoi andare dovrai essere tu, al momento opportuno, ad uscire allo scoperto. Senza dimenticare che l’operazione Milik-Dzeko non dovrà avere nessun esborso per il club. Parte di quello che ricaverà dalla cessione del bosniaco la Roma lo girerà al Napoli insieme ai cartellini di Under e Riccardi, che al momento nicchia. Il polacco deve aprire ancora ai giallorossi, quindi finchè la Juventus non dirà al giocatore che non vestirà bianconero, l’attaccante aspetterà Paratici. Il ds lavora su più tavoli e a fari spenti tenta Zapata offrendo all’Atalanta Perin e Romero, così da limare i 50 milioni che vogliono i nerazzurri. Un gioco ad incastri dove la Roma ora è spettatrice.

Questa situazione regala una fase di stallo. L’operazione Milik/Dzeko, considerando la carta d’identità di Edin più il risparmio economico legato all’ingaggio, oltre alla plusvalenza da mettere a bilancio, la Roma è quasi obbligata a farla. Comunque a Trigoria esiste qualche remore su Milik, ma non dal punto di vista tecnico, ma su quello clinico. Intanto la Roma si appresta a salutare anche un altro leader: Kolarov. Le uscite non finiscono qua. Raiola sta lavorando per piazzare Kluivert, Santon è vicino al Besiktas, mentre Florenzi preferirebbe restare in Italia per puntare agli Europei. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa