Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Schick al Bayer per 28 milioni e avvicina Smalling

Schick saluta e va al Bayer Leverkusen

Arrivano i soldi. Non è il remake del fortunato “Arrivano i dollari” con Alberto Sordi e Nino Taranto, ma tanto basta per sbloccare il mercato della Roma. Almeno questo è quanto si augurano nella sede di viale Tolstoj al di là dell’ufficialità di Mkhitaryan (svincolatosi), annunciata ieri con una tempistica alquanto singolare dall’Arsenal. Schick infatti è ad un passo dal Bayer Leverkusen. La trattativa non è chiusa ma ormai in dirittura d’arrivo dopo che ieri Patrik, insieme all’agente, si è recato a Trigoria per sbloccarla. La cessione frutterà alle casse giallorosse un’entrata pari a 26 milioni più 2 di bonus che garantirà, oltre ad un’immediata liquidità, anche una discreta plusvalenza considerando che il ceco a bilancio figura a 19,6 milioni.

Con gli addii di Schick e Kolarov, Fienga tornerà alla carica per Smalling: il club giallorosso è fermo all’offerta di 14 milioni, lo United ne vuole 20 più bonus. Sistemate le uscite di Jesus (Genoa) e Fazio,l’obiettivo di Fienga e De Sanctis è quello di acquistare anche altri due centrali oltre all’inglese. Ancora in piedi poi la questione Veretout: il Napoli vorrebbe offrire Milik e Maksimovic per il francese e Under. Se ne sta occupando l’agente del centrocampista, che alla Roma ha offerto anche un altro suo assistito: Biraghi. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa