Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Dzeko: “Mercato? Non è il momento di parlarne”

Il capitano giallorosso glissa la domanda sul suo possibile addio alla Roma nel post partita della sfida tra Italia e Bosnia in Nations League

Edin Dzeko segna nella gara tra Italia e Bosnia il gol dell’iniziale vantaggio, poi il match finisce 1-1. Nel post-partita parla ai microfoni della Rai del match e delle voci di mercato che lo vorrebbero alla Juventus. Queste le sue parole:

Non vedevi l’ora di segnare?
Sempre, non solo oggi.

Come stavate fisicamente?
Avevo ragione ieri io. Fisicamente non siamo al 100%, né noi né l’Italia. La partita più o meno era equilibrata.

Bonucci ha detto che sei un giocatore di livello mondiale…
Ho giocato tante volte contro Leo e questi ragazzi. Ormai ci conosciamo bene, è sempre bello giocare contro l’Italia. Sono contento che abbiamo preso un punto questa sera.

C’è la possibilità che Dzeko diventi compagno di Bonucci?
Ho detto ieri che non è il momento di parlare di mercato. C’è la Nazionale e vanno rispettate queste partite. Poi parleremo.

us. Queste le sue parole:

Non vedevi l’ora di segnare?
Sempre, non solo oggi.

Come stavate fisicamente?
Avevo ragione ieri io. Fisicamente non siamo al 100%, né noi né l’Italia. La partita più o meno era equilibrata.

Bonucci ha detto che sei un giocatore di livello mondiale…
Ho giocato tante volte contro Leo e questi ragazzi. Ormai ci conosciamo bene, è sempre bello giocare contro l’Italia. Sono contento che abbiamo preso un punto questa sera.

C’è la possibilità che Dzeko diventi compagno di Bonucci?
Ho detto ieri che non è il momento di parlare di mercato. C’è la Nazionale e vanno rispettate queste partite. Poi parleremo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra