Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma-Dzeko, il piano è lasciarsi

È bastata una story di Amra Dzeko, da sempre molto attiva sui social, per riaprire il dibattito sul futuro del marito

È la prova, resta!” ha cercato di affermare qualcuno, anche se lo stesso giocatore nelle interviste di Firenze aveva chiarito che “Non è il momento di parlare di mercato, vedremo nei prossimi giorni“. Nessuno sa come finirà questo tormentone. Anche perché si sa che Andrea Agnelli sta puntando altri obiettivi per l’attacco. Ma è altrettanto evidente che le difficoltà di accesso a Suarez, senza considerare l’occasione Morata, possono far ripiegare Paratici su Dzeko. Nelle poche ore trascorse a Trigoria dopo il raduno ha lasciato chiaramente intendere che la sua volontà era di andare alla Juve.

Non di lasciare la Roma. La Roma rimarrà una squadra amatissima. Ma il richiamo della partnership con Cristiano Ronaldo è troppo forte. La Roma è disposta ad accontentarlo. Anzi, vorrebbe che la trattativa andasse in porto per alleggerire il bilancio, visto che lo stipendio da 7,5 milioni grava sulle casse.

In caso di perdita di Dzeko, la Roma andrebbe forte su Milik dal Napoli in cambio di Underun giovane della Primavera e soldi. Se, però, la giostra non dovesse partire, la Roma passerebbe al piano BDzeko a quel punto rimarrebbe come centravanti. Veretout, invece, che rimane incedibile, potrebbe tornare in oribita Napoli nella ricerca di liquidità per completare la squadra. In tutto questo Fonseca non ha ancora detto una parola.

Anche ieri, dopo l’amichevole non è stato intervistato, neppure da Roma tv. In un periodo molto delicato, con un mercato difficile e una proprietà che deve ancora insediarsi, l’allenatore preferisce restare in silenzio per non alimentare tensioni. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa