Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dramma Zaniolo: fermo almeno 6 mesi. Intervento rinviato, ipotesi Stati Uniti

Il momento più duro per il talento giallorosso

Il verdetto lo conosceva dai primissimi minuti dopo l’infortunio. Ieri mattina la conferma dal professor Mariani. In sette anni il bilancio della Roma è pesantissimo: 13 interventi, di cui un paio di ricadute, oltre a quelli di ben 7 Primavera. Per rivederlo in campo ci vorranno 5-6 mesi. I pensieri ieri erano altri. Una lunga serata di riflessione con il papà Igor, l’agente Vigorelli e i rappresentanti della Roma. In molti sono rimasti sorpresi vedendolo uscire da Villa Stuart dopo i test. Non è ancora detto che l’intervento avvenga lì. A tarda serata, nonostante il comunicato della Roma, Zaniolo ha deciso di posticipare l’operazione per prendersi della ore per decidere dove farla. Un’ipotesi è affidarsi al professor Freddie Fu di Pittsburgh.

A Trigoria è finita sotto esame la questione allenamenti. Nicolò è arrivato a Coverciano sabato 29 a poche ore dalla prima sessione con la Roma. Ha giocato 20 minuti con la Bosnia con 4 allenamenti e mezzo sulle gambe, poi altri due giorni di viaggio, un altro mezzo allenamento e ancora in campo. Ha infilato 8 partite in un mese ed è probabile che quelle sedute non siano state sufficienti. La Roma riceverà un indennizzo dalla FIFA: scatterà dal 29° giorno di assenza e coprirà lo stipendio per tutta la durata dell’indisponibilità. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa