Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’alternativa al falso nove fatto in casa resta Kean

Il giovane azzurro può essere il perfetto vice-Dzeko

Perché un altro centravanti serve, ancora di più dopo che sono stati rimandati di almeno sei mesi i gol che poteva garantire Zaniolo. Di nomi se ne fanno parecchi. In particolare nelle ultime ore ne sono stati fatti tre. Due nuovi o quasi: il russo Kokorin e il francese Giroud. Uno antico: Kean. Con quello antico che sembra l’unico che potrebbe davvero sbarcare a Trigoria. Kokorin è stato offerto, la Roma ha ascoltato, ma i dirigenti giallorossi sanno bene come il russo, oltre ad avere ventinove anni, ha un passato piuttosto turbolento, una certa propensione alla vodka, ai night club e alle spese esagerate, una carriera fatta più di bassi che di alti, interrotta pure da un periodo di carcere, conseguenza di una notte brava ad Amsterdam dopo una partita della nazionale russa contro l’Olanda. Difficile che possa essere preso in considerazione, anche perché attraverso il papà avrebe chiesto uno stipendio intorno ai tre milioni netti.

Che, peraltro, sarebbero di meno di quelli che vorrebbe Olivier Groud, centravanti della nazionale francese campione del mondo, un contratto con il Chelsea in scadenza il prossimo 30 giugno, ma soprattutto un’età, trentaquattro, che non ne fanno certo un investimento pur a fronte di qualità ed esperienza al di sopra di ogni sospetto. Inoltre a Londra lui e la sua famiglia stanno bene e l’ex Arsenal è convinto che sarà il centravanti del nuovo Chelse,a che Abramovich sta ricostruendo a forza di acquisti da centinaia di milioni di euro.
Meglio quindi pensare a Kean che qualche giorno fa abbiamo rivisto con la maglia della Nazionale. Il suo procuratore, il sempre più extralarge Mino Raiola, da tempo ha fatto sapere che il ragazzo vuole tornare in Italia, avendo come obiettivo ritrovare quella credibilità che è stata piuttosto ridimensionata dalla stagione in Premier con la maglia dell’Everton. Lo scrive “Il Romanista”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa