Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

“La Roma cambierà”. Fonseca loda Friedkin: “Ora servono acquisti”

Paulo Fonseca promuove la Roma e aspetta qualche sforzo della società sul mercato

La squadra che si accinge a cominciare il campionato sabato deve essere migliorata, non solo con il ritorno di Smalling. Così com’è non è competitiva per le prime posizioni e neppure per avere un ruolo da protagonista in Europa League. Mancano più di venti giorni alla fine del mercato e l’allenatore spera che qualcosa si possa fare in entrata, oltre a dover piazzare i molti giocatori in esubero.

Il pareggio col Cagliari è stato un test utile, anche per capire la tenuta fisica della squadra. Il tecnico ha spiegato: “Mi è piaciuto anche il primo tempo a livello offensivo. Non abbiamo fatto gol ma abbiamo sempre dominato, creando occasioni, poi abbiamo sbagliato le prime due situazioni in cui il Cagliari si è avvicinato alla nostra porta. Però abbiamo giocato con grande personalità nelle due fasi“. Difesa troppo fragile, la squadra ha completato la preparazione ancora con qualche natura. Fonseca quindi rivolge un appello ai nuovi proprietari:

Dobbiamo sempre lavorare per migliorare, ma in questa pre-season solo adesso abbiamo ritrovato giocatori che finora non si sono mai allenati con noi. Però vedo l’aspetto positivo, perché la squadra non è quella definitivaCi sono giocatori che devono entrare, ho parlato con il presidente e con Fienga, abbiamo bisogno di giocatori e stiamo lavorando per migliorare la squadra“. Uno degli uomini più in forma è stato sicuramente Mkhitaryan.

Autore del gol del pareggio,  è stato il più pericoloso. Fonseca ha voluto fortemente la sua conferma: “È un giocatore molto intelligente, può giocare in molte posizioni, è in un buon momento ma anche gli altri stanno giocando bene“. Il cambio di modulo poi, come è avvenuto a Cagliari, sarà il marchio di fabbrica della Roma in questa stagione. Ieri non era ancora presente il neo acquisto Pedro, alle prese con il recupero dopo l’intervento alla spalla. Si registra invece un nuovo infortunio di Perotti, ennesimo di una carriera in giallorosso decisamente sfortunata. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa