Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Caso Diawara, via al ricorso

Il club presenterà ricorso alla decisione del Giudice Sportivo

Nessuna sorpresa. Ieri il giudice sportivo della serie A, Mastrandrea, ha inflitto lo 0-3 a tavolino alla Roma per aver schierato nella partita di esordio del campionato contro il Verona, il centrocampista Diawara, non incluso nella lista dei 25 giocatori della rosa. A farne le spese per il momento è stato il segretario Pantaleo Longo. Il 14 settembre, giorno della (prima) consegna delle liste (che saranno modificabili sino al 5 ottobre), il dirigente era impegnato nella definizione del passaggio di Under al Leicester. E a Verona non era presente. Tradotto: non è stato lui ad occuparsene. La svista di carattere amministrativo di chi al suo posto ha redatto l’elenco, tra l’altro non è stata l’unica. Oltre a Diawara infatti nella lista originaria degli U22 che è stata consegnata, figurava anche Cengiz che ha invece compiuto 23 anni lo scorso 14 luglio.

L’impressione è che siccome nella passata stagione i due facevano parte dell’elenco U22, sia stato eseguito un semplice copia e incolla non accorgendosi dello scatto anagrafico. Così quando sabato scorso, il giorno della gara, è arrivato l’alert da parte della Lega (2 in totale) all’atto dell’invio della distinta da parte del team manager giallorosso, non riuscendo in via Rosellini a capacitarsi di quanto stava accadendo, è stato chiesto alla Roma se ci fosse un’anomalia nella numerazione dei calciatori. Cosa che non c’era. Intanto la Roma è pronta al ricorso che si prospetta a dir poco in salita. I margini per ribaltare la sentenza sono minimi.
Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa