Resta in contatto

Rassegna Stampa

Dzeko, prove di pace. Resta lui il capitano

Il bosniaco ripartirà contro la…Juve

Edin Dzeko giocherà dal primo minuto contro la Juventus e lo farà indossando la fascia da capitano della Roma. Una prospettiva inimmaginabile fino a qualche giorno fa, quando tutti erano convinti che il bosniaco sarebbe sceso in campo domenica prossima all’Olimpico con la maglia bianconera. Il blocco definitivo alle trattative con il Napoli per Milik però ha cambiato le carte in tavola, portando Dzeko, che era pronto a partire per Torino contento della nuova sfida, a rimanere a Trigoria. Ora c’è da ricucire il rapporto con Paulo Fonseca, per il bene collettivo e in vista dei prossimi impegni. Rimane da capire però quanto la società abbia fiducia in Fonseca, viste le voci che vorrebbero Allegri come sostituto designato del portoghese; il livornese ha già discusso della possibilità di lavorare a Roma con il suo staff.

Una frenata, quella relativa al cambio di centravanti, che ha fatto venire meno importanti plusvalenze per la nuova proprietà Friedkin, che oltre a quella con Dzeko avrebbe registrato 5 milioni di plusvalenza con i trasferimenti dei giovani Meloni e Modugno in Campania. Infine, c’è da completare il mercato, con Kalinic che si continua a proporre e l’Atletico che chiede unindennizzo da 1,5 milioni di euro per liberarlo. Per Smalling non sono state presentate nuove offerte dopo l’acquisto di Kumbulla e si valuta ancora l’opzione Marcao del Galatasaray. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa