Resta in contatto

Giallo&Rosso

L’alieno Pedro sbarcato sul pianeta Roma

Corre e lotta come un veterano, come fosse qui da un decennio

Difficile credere che sia uno dei volti nuovi della seconda Roma di Fonseca. Perché si muove in campo come se non avesse mai fatto altro in vita sua che giocare con la maglia giallorossa: corre, lotta, gioca con entrambi i piedi, quando sbaglia rincorre l’avversario, quando non sbaglia spedisce il pallone in rete, con un destro fenomenale.

Pedro in un mese e mezzo si è preso la Roma. Prima silenziosamente, recuperando dall’infortunio alla spalla nel caldo di Trigoria, poi prendendosi una maglia da titolare, quasi insperata, al Bentegodi di Verona. E quella maglia non se la toglierà più: non perché gli spetti per diritto, quasi a voler render omaggio alla sua straordinaria carriera, ma per quello che in 263 minuti è riuscito a mettere in campo. Senso della posizione, corsa e l’input di una giocata sempre utile.
Se attorno a lui ci sono molte teste ancora piene di dubbi, tra chance di esser titolari, funzionali al progetto o con la valigia pronta, lo spagnolo va per conto suo.
Si sente dentro al progetto, si sente importante e ha una fame incredibile di volerlo dimostrare.

Al termine della sfida vinta alla Dacia Arena, grazie ad una sua rete, ai microfoni di Dazn ha dichiarato: “Vogliamo entrare in Champions League e, perché no, rientrare nella lotta scudetto“. Qualcuno lì nei paraggi si è guardato attorno, alla ricerca della navicella spaziale che lo avesse condotto a Trigoria. Con un bilancio che non sorride, con un tecnico dal futuro incerto e una squadra, partita con l’handicap della sconfitta a tavolino, tutta da confermare e rilanciare sul mercato, lo spagnolo parla di lotta al vertice?

Si chiama mentalità vincente, signori miei. Di chi non guarda mai indietro, di chi non si accontenta del piazzamento ma vede solo trofei nella sua visione. Di chi alza sempre l’asticella delle proprie ambizioni, non lasciandosi influenzare da obiettivi prestabiliti.
Un alieno sul pianeta Roma.

Grazie di averci dato fiducia senor Pedro, speriamo di essere all’altezza della sua fame di vittoria.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Giallo&Rosso