Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il bilancio della Roma è disastroso: persi 204 milioni in un anno

Perdita dell’esercizio 2019/20 stimata in 204 milioni di euro, si legge nel documento pubblicato dal club giallorosso

Una perdita da capogiro. In un documento pubblicato dalla Roma su richiesta della Consob il club giallorosso ha comunicato i risultati economici al 30 giugno 2020 (in corso di consuntivazione da parte della società e poi soggetti ad una verifica dell’azienda di revisione dei conti) e a livello di gruppo si segnala che la perdita dell’esercizio 2019/20 è stimata in 204 milioni di euro (quella della sola AS Roma Spa è di 188 milioni), con il patrimonio netto consolidato stimato negativo per 242,5 milioni di euro.

Tale rosso, che sarà approvato dal cda nell’ultima settimana di ottobre, rappresenta un record in negativo, dovuto all’evidente squilibrio tra costi e ricavi nella gestione del club e alla diffusione del Covid-19, anche se già al 31 dicembre scorso la perdita era di circa 87 milioni: “Nonostante le misure adottate dalla società per mitigarne le conseguenze, tale situazione di emergenza, straordinaria per natura ed estensione, ha avuto – si segnala nella nota – e sta avendo ripercussioni significative sulle attività economiche della società e del gruppo determinando un contesto di generale incertezza, la cui evoluzione e relativi effetti non risultano al momento prevedibili, essendo tali da determinare riflessi negativi principalmente sui proventi di AS Roma rivenienti dai Diritti televisivi, dalle Sponsorizzazioni, e in generale da tutte le attività commerciali del Gruppo. L’andamento dei proventi, inoltre, è stato solo parzialmente compensato da minori costi, la cui riduzione nell’esercizio è principalmente legata al personale tesserato”.

Il comunicato specifica le considerazioni sulla capacità della società di superare al 31 dicembre 2020 la situazione di deficit patrimoniale emersa, da cui si evince che sarà necessario un altro aumento di capitale, che i Friedkin hanno già assicurato al momento della compravendita della Roma. In base a quanto garantito dalla nuova proprietà americana “la società ritiene ragionevolmente che la fattispecie di cui all’art. 2447 c.c. sarà superata e che il risanamento patrimoniale della società sarà conseguito con modalità e tempi coerenti con le esigenze del business e con le applicabili disposizioni di legge”. Scrive il giornalista Filippo Biafora su Il Tempo.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa