Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma devia sugli esterni

Sono diventati sempre più importanti, sgravati da compiti difensivi e decisivi quando bisogna attaccare

Gli esterni della Roma rappresentano un punto di forza nel nuovo corso di Fonseca, ma le pedine sembrano destinate a cambiare. Se Spinazzola e il ritrovato Karsdorp restano al momento fuori da discorsi di mercato, lo stesso non può dirsi di Bruno Peres, Calafiori e Santon.

Detto che quest’ultimo in ogni sessione è stato messo in vendita e lo stesso potrebbe accadere a gennaio, il brasiliano si avvia alla scadenza di contratto il prossimo giugno e deve ancora sudarsi la conferma. Mentre per Calafiori è in stallo la trattativa del rinnovo del contratto che lo lega alla Roma fino al 2022.

La società vorrebbe blindare il ragazzo con un quinquennale a 500 mila euro nettiRaiola però chiede un contratto triennale da un milione e 200 mila euro netti. . Se non si arrivasse ad un accordo la Roma sarebbe pronta ad ascoltare offerte di altri club per il cartellino, a partire dal mercato di gennaio.

Anche perché l’eventuale cessione di Calafiori produrrebbe una plusvalenza per il bilancio. Intanto sulla fascia destra la Roma ha messo gli occhi su un altro giovane interessante: piace, e non poco, il francese Brandon Soppy, 2002 del Rennes. Fisico massiccio, buona tecnica, gioca anche da centrale nell’Under 17 transalpina.

Il Rennes chiede quasi 15 milioni per iniziare una trattativa, ma la chiave può essere il riscatto di Nzonzi. Di questo e molto altro dovrà occuparsi Pinto.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa