Resta in contatto

Rassegna Stampa

Stadio Flaminio, avanti Piano: contatti tra i Friedkin e l’architetto

La caccia alla nuova location per realizzare lo stadio di proprietà va avanti, certo

Ma il lavoro della Roma dei Friedkin sul Flaminio, prima sottotraccia e poi sempre più evidente, non è un segnale isolato. Come non sono casuali i contatti già avuti con l’archistar Renzo Piano, entusiasta di partecipare al progetto. Insomma, la nuova proprietà del club giallorosso sta cambiando decisamente strategia.

Ora la dirigenza punta a conquistare i tifosi romani. Così si spiega il cambio di opinione su Tor di Valle, fino a pochi giorni fa unica opzione sul tavolo. E l’idea di far rivivere il Flaminio piace sempre di più. Questione di costi, ma anche di cuore. Se ne è parlato anche ieri sera, nel corso di una lunga call tra Roma e Stati Uniti; il trasloco al Flaminio rinsalderebbe una volta di più il rapporto tra la squadra e i tifosi.

In tal senso la scelta dei Friedkin di indossare la mascherina con il vecchio stemma della Roma. Perché il calcio è anche una questione identitaria. Per questo i Friedkin vogliono studiare tutti i suoi dettagli l’operazione Flaminio. Le primissime stime ipotizzano un investimento da 350 milioni per uno stadio da non più di 45 mila posti.

Le parti si sono incontrate già a Genova, ma presto di vedranno nella Capitale. Nelle idee del maestro, la struttura di Nervi non andrebbe stravolta. Al massimo accompagnata, per un intervento coerente con la storia e le dimensioni dello stadio e con il vicino Parco della Musica. La Repubblica.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa