Resta in contatto

Rassegna Stampa

L’en plein di Veretout: “Non fermiamoci”

Il francese è il jolly di Fonseca

Come il famoso Re Mida, Veretout ha un potere: tutto quello che sfiora, si trasforma in oro. Fonseca lo sa e ne sta traendo i maggiori benefici, anche quando decide di farlo riposare il portoghese trova il modo per mandarlo in campo. E’ stato Paulo a volerlo a Roma un anno e mezzo fa, convincendolo a non accettare le proposte di Milan e Napoli, così come è stato lui a chiedere a gran voce la sua conferma con l’insediamento della nuova proprietà.

Il classe ’93 ieri è entrato al posto di Pellegrini nel secondo tempo e ha segnato un gol e mezzo (sarebbe stata doppietta senza la deviazione di Debeljuh). Esiste una Roma con il jolly Veretout (820 minuti totali in campo, come Pedro) e una senza. La prima brilla, la seconda arranca. Il francese ha saltato solamente una partita, il 29 ottobre, contro il Cska Sofia, e non a caso è stata la peggior prestazione della squadra. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa