Resta in contatto

Rassegna Stampa

Nela: “Maradona uomo del popolo, Roma da vertice”

Le parole dell’ex giallorosso

Sebino Nela, ex calciatore della Roma e del Napoli, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport. L’ex terzino, oltre che del match di questa sera, ha parlato anche della morte di Diego Armando Maradona:

È morto l’uomo del popolo, una persona amata in tutto il mondo che si è sempre spesa per gli altri. Diego odiava i soprusi ancora più di me. Glielo spiegate voi a Laura Pausini?“.

“Fa più notizia l’addio a un uomo poco apprezzabile piuttosto che l’addio a tante donne violentate”. Frase evitabile?
“La Pausini forse non sa che Maradona è stato molto di più del miglior calciatore della storia. Diego è un fatto sociale, è il riscatto dei poveri e degli ultimi. Se un’artista non se ne rende conto forse non capisce nemmeno dove vive”.

Ci racconta il “suo” Maradona?
“Ho avuto la fortuna di giocarci contro e di conoscerlo fuori dal campo. A me non frega niente del privato delle persone. Mi ha stregato da giocatore e mi ha emozionato come uomo. Diego trattava tutti allo stesso modo: presidenti, compagni di squadra, magazzinieri, massaggiatori, dirigenti, tifosi. Era unico”.

Oggi c’è Napoli-Roma, la partita di Nela: 12 anni in giallorosso, 2 in azzurro. Chi vince?
“Sinceramente non lo so. Le partite negli stadi vuoti mi creano fastidio. Al Napoli servirebbe lo stadio pieno dopo il ko col Milan. Così può venir fuori qualsiasi risultato”.

La squadra di Fonseca le piace?
“Molto. La vedo consapevole, gioca un bel calcio e in una stagione come questa può ambire a… Capito?”

La parola scudetto non la vuole pronunciare?
“Questo è un campionato strano. La formazione la fanno i medici, non c’è più il fattore campo. Mi sembra che come numeri la Roma sia la squadra migliore, in media fa 2 gol a partita e non ha mai perso. Il pensiero a immaginarla lassù può venire, ecco”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Rassegna Stampa