Resta in contatto

Prima Squadra

Fonseca: “L’arbitraggio non mi è piaciuto. Gli episodi parlano da soli”

“Non capisco il primo giallo dato a Pedro, Sono orgoglioso della prova dei miei ragazzi”

Paulo Fonseca ha analizzato il match andato in scena allo Stadio Olimpico tra Roma e Sassuolo. Questo il suo commento sia sulla prestazione della squadra che sull’arbitraggio di Maresca.

Soddisfatto della prova caratteriale della squadra?
“Sono molto orgoglioso dei ragazzi, abbiamo fatto una partita molto buona, abbiamo avuto tante occasioni per segnare, non abbiamo permesso al Sassuolo, che è una grande squadra, di aver opportunità per segnare”.

L’arbitraggio?
“Non mi è piaciuto, non capisco il primo fallo di Pedro, come si può dare un’ammonizione in questa situazione? C’è stato poi il fallo di Obiang su Pellegrini ed è stato dato solo giallo… Capisco se l’arbitro non vede, ma il VAR? Non ci possono essere dubbi nemmeno sul calcio di rigore che non ci è stato concesso”.

Perché sei stato espulso?
“Stavo chiedendo spiegazioni sul primo fallo di Pedro”.

Mancato un po’ di cinismo davanti?
“Dzeko ha lavorato difensivamente per la squadra e lo ha fatto molto bene. È stato fermo per il COVID-19, ha avuto delle opportunità. Nella ripresa avremmo meritato di segnare”.

Borja Mayoral e Dzeko insieme?
“Può essere una possibilità in futuro, abbiamo difeso in maniera diversa con Pedro accanto a Dzeko, può essere una possibilità. Non abbiamo permesso al Sassuolo di giocare verticalmente”.

Ti sei arrabbiato tanto dopo Napoli-Roma?
“No, ci siamo confrontati e abbiamo capito dove dobbiamo migliorare, lo abbiamo dimostrato in Europa League e in campionato”.

FONSECA A ROMATV

Cos’è successo con Maresca?
“Penso che gli episodi parlino da soli. Io ho chiesto all’arbitro di rispettare i miei giocatori, di rispettare la Roma. Era difficile da capire il primo giallo di Pedro. Gli ho chiesto di rispettare la squadra e quello che ha fatto dopo, penso che non ha dimostrato questo. Il primo giallo di Pedro è incredibile, il fallo fischiato a Mkhitaryan che stava andando da solo davanti alla porta è allo stesso modo incredibile e il secondo tempo il fallo su Pellegrini… Posso accettare che l’arbitro non veda, ma il VAR deve interventire. E c’è da aggiungere anche un possibile rigore, che ancora una volta l’arbitro può non vedere, ma il VAR deve interventire”.

Sulla reazione della squadra.
“Sono orgoglioso dei ragazzi, della squadra. Abbiamo fatto una bellissima partita con un uomo in meno, abbiamo creato occasioni e tirato più del Sassuolo, meritavamo di segnare un gol”.

Sulla scelta tattica di aspettare il Sassuolo nel primo tempo.
“Lo abbiamo fatto bene, cercavamo poi di ripartire velocemente in contropiede, senza lasciare spazio al Sassuolo di creare occasioni e giocare”.

Ancora sulla reazione della squadra. 
“I ragazzi hanno dimostrato grande carattere e voglia di vincere la gara nel secondo tempo. Abbiamo ambizione e carattere, per questo sono molto orgoglioso della squadra”.

FONSECA IN CONFERENZA STAMPA

L’arbitraggio ha condizionato il risultato?
“Chiaramente. Gli episodi parlano da soli. Penso che come ho detto il primo giallo di Pedro è una situazione sbagliata. Dopo la situazione di Pellegrini, è rosso, è chiaro. Posso capire che l’arbitro in questo momento possa non vedere, non posso capire che il VAR non possa vedere. C’è anche un rigore, ma non l’hanno voluto vedere. Non posso essere soddisfatto. Abbiamo finito il primo tempo con 5 falli e 4 ammonizioni, difficile capirlo”.

Cosa vi siete detti?
“All’arbitro ho detto solo del primo giallo di Pedro, e che doveva arbitrare con equilibrio”.

Cosa significa aver avuto le migliori occasioni in 10?
“Sono molto orgoglioso della squadra. Nel secondo tempo abbiamo avuto occasioni per vincere, in undici la squadra ha giocato molto bene, anche sul piano difensivo non abbiamo concesso opportunità a una squadra forte”.

Edin Džeko poco lucido?
“Devo dire che non possiamo dimenticare che Džeko è stato fuori tanto tempo, sta recuperando la migliore condizione. Oggi ha fatto un lavoro importantissimo per la squadra. Poi, è un giocatore che ha bisogno di migliorare fisicamente per avere fiducia. Ha fatto un lavoro molto buono per la squadra”.

È possibile che un giocatore dell’esperienza di Pedro faccia un fallo del genere?
“Non deve farlo, ma è una situazione di contropiede. Non ho dubbi sul secondo giallo, ho certezze sul primo”.

Cosa le è piaciuto di più?
“Quasi tutto, giocare così tanto tempo con il Sassuolo con un uomo in meno, avere questo coraggio, mi è piaciuto quasi tutto. La squadra è stata solida e compatta”.

Un giudizio sulla prova di Spinazzola?
“È stato bravo. È difficile per una squadra con un uomo in meno, abbiamo attaccato tanto sul lato sinistro, mi è piaciuta la sua partita”.

Il campo nel primo tempo ha sfavorito più voi il Sassuolo?
“Sono due squadre che vogliono avere il pallone, sono due squadre che nel primo tempo hanno capito che era importante non lasciare spazio per l’altra squadra”.

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra