Resta in contatto

Rassegna Stampa

Rinnovi & rinforzi

Pinto

Da gennaio Tiago Pinto si occuperà dell’area tecnica

La ripartenza della Roma è prevista tra meno di un mese. A gennaio, con lo sbarco del nuovo dg Tiago Pinto. Si occuperà dell’area tecnica confrontandosi con il ds De Sanctis, Bruno Conti e, ovviamente, col connazionale Fonseca. La rosa è da aggiornaRe, concedendo il prolungamento a qualche titolare, piazzando chi è in esubero e portando a casa almeno un rinforzo. Il nuovo manager è già al lavoro. Pinto deve affrontare la questione dei rinnovi. Cominciando da Pellegrini. A seguire il giovane Calafiori.

Meno urgente la situazione legata a Zaniolo che è stato accontentato già l’anno scorso. Dopo le feste natalizie sarà convocato il procuratore di Pellegrini. Il passaggio di proprietà ha rallentato i lavori per trovare l’intesta. La società è in sintonia col giocatore. In più c’è la clausola da 30 milioni che rende ancor più delicata la negoziazione che prevede una base fissa di 2,5/2,7 milioni di euro più bonus. Non sembra un problema, invece, arrivare al sì con Calafiori. Il suo stipendio dovrebbe essere di poco superiore a 700mila euro e firmerà fino al 2025. Anche a Mirante verrà proposto un altro anno. A proposito del portiere potrebbe arrivare un altro titolare, ma Pinto dovrebbe piazzare Pau Lopez. Con lui anche Fazio, Jesus, uno tra Karsdorp e Peres, Diawara e Pastore. L’input è quello di tagliare ancora il monte ingaggi e solo così sarà possibile fare altri investimenti, privilegiando la formula del prestito. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa