Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Comincia l’era di Pinto per la Roma di Friedkin

Pinto

Inizia la nuova era del dirigente portoghese. A lui il compito di rompere con il passato, modernizzando il club giallorosso 

L’era Pinto è pronta ad iniziare. Il trentaseienne dirigente portoghese ha salutato il Benfica, club per il quale ha lavorato negli ultimi 8 anni. Il Club lusitano ha pubblicato sui propri social un video per testimoniare gli ultimi momenti trascorsi dal manager presso il centro sportivo: gli sguardi agli uffici e alle strutture, il lungo discorso alla squadra e gli abbracci con i giocatori e colleghi, tra i quali anche Rui Costa. Toccherà, dunque, al nuovo dg occuparsi dell’area tecnica giallorossa, confrontandosi con il ds De Sanctis, Bruno Conti e ovviamente con il connazionale Fonseca che porta in dote il terzo posto in campionato. Debellato il Covid, il dirigente sbarcherà a Trigoria nelle prossime ore. 

Voluto fortemente dalla famiglia Friedkin, si presenta come elemento di rottura rispetto al passato. Il portoghese sarà l’uomo della proprietà, alla quale dovrà riferire direttamente senza passare per quello che tuttora è il factotum del club, il Ceo Fienga, che ormai da qualche giorno non si occupa più della gestione sportiva ed è tornato alle mansioni specifiche dell’amministratore delegato. Lo riporta Il Messaggero. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa