Resta in contatto

Rassegna Stampa

Rui Vitoria presenta Pinto: “Fidatevi, è un visionario che prepara i suoi successi”

L’ex tecnico del Benfica presenta il nuovo General Manager giallorosso: “La Roma ha fatto un grande colpo, sono sicuro che farà benissimo”

Tiago Pinto in tre parole: “Maniacale, visionario, vincente”. Garantisce Rui Vitoria, per tre anni e mezzo allenatore del Benfica (2015- 2019) con il d.g. portoghese dietro la scrivania: “Insieme programmavamo successi, che poi sono arrivati”.

Ce lo presenti.
“Tiago è uno dei migliori general manager del mondo, la Roma ha fatto un grande colpo, sono sicuro che farà benissimo. È il primo ad arrivare al campo e l’ultimo ad andar via, a volte dormiva nel centro sportivo. Gli dico sempre che è come un computer: analizza ogni cosa, sta sempre sul pezzo, conosce tutti i segreti della società che dirige. Per lui il suo club conta quasi più della sua famiglia. È un talento, insieme abbiamo vinto cinque trofei. Tuttora siamo amici e c’è un gran rispetto reciproco”.

I suoi metodi di lavoro?
“Riunioni continue, è uno che vuole sapere tutto. Allenamenti, schemi, gestione, comportamenti dei singoli. La prima volta che lo vidi eravamo io, lui e il presidente del Benfica. Ci convinse subito, parlò in modo chiaro illustrando le sue idee. Per Tiago il lavoro di squadra è fondamentale, ha un feeling speciale con i giocatori. E non mi riferisco solo ai video motivazionali proiettati prima dei big match, ma anche al rapporto con loro. Inoltre è uno scout eccellente”.

Un giocatore valorizzato da Pinto?
“Ruben Dias. Giocava nel Benfica B, nel 2017 me ne parlò in ritiro dicendomi di dargli fiducia. “È un predestinato, fidati”. Mi fidai. Non è più uscito dal campo, si è fatto due anni da titolare e in estate il club l’ha venduto al Manchester City per 70 milioni di euro. Una plusvalenza record per il Benfica, in questo Tiago è un fenomeno. Anzi, un vero mago”. Lo riporta La Gazzetta dello Sport. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa