Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Smalling ci prova, Pedro non ce la fa

Smalling

In vista della prima gara del 2021 Fonseca deve fare i conti con i tanti infortuni. Scelte quasi obbligate contro la Sampdoria

La Roma vuole cominciare il suo 2021 nel migliore dei modi, per non ripetere gli errori nelle prime posizioni in classifica. Il gennaio del 2020 si era infatti aperto con due pesanti sconfitte contro Torino e Juventus, per un totale di ben tre ko, un pari e solo due vittorie nel primo mese dell’anno. Ma la nuova Roma dei Friedkin vuole superare i problemi di personalità e rimanere concentrata sul campo e sugli obiettivi da raggiungere, anche per questo i giocatori hanno voluto festeggiare con sobrietà il Capodanno insieme alle famiglie per poi scendere in campo ieri pomeriggio per il primo allenamento del 2020. Non cominciato benissimo visto lo stop di Riccardo Calafiori. Il terzino giallorosso ha accusato un risentimento al flessore della coscia destra che lo costringerà a saltare il match contro la Samdporia, nel quale sarebbe stato titolare vista l’indisponibilità di Spinazzola.

Lo stesso problema è stato avvertito da Pedro tre giorni fa: l’attaccante spagnolo ha svolto lavoro individuale e non sarà a disposizione contro i blucerchiati. Pochi dubbi quindi sull’undici che il portoghese schiererà domani pomeriggio all’Olimpico: Pau Lopez difenderà i pali per l’infortunio di Antonio Mirante che proverà a recuperare per la gara in trasferta contro il Crotone. Davanti allo spagnolo ci saranno sicuramente Mancini e Ibanez, con l’unico potenziale ballottaggio di formazione legato al terzo uomo di difesa. Da una parte Smalling ha recuperato le energie dopo aver saltato la gara contro il Cagliari, dall’altra Fonseca ha più volte fatto intendere quanto Bryan Cristante sia importante per il suo gioco. Il dubbio verrà sciolto in queste ore. Lo riporta Il Corriere dello Sport. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa