Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mancini: “Importante iniziare bene l’anno. Zaniolo? E’ un professionista”

“E’ stata una partita dura, l’importante è aver portato a casa i tre punti”

Gianluca Mancini ha parlato ai microfoni di Roma TV al termine di Roma-Sampdoria, finita 1-0 per i giallorossi grazie al gol di Dzeko.

Vittoria meritata, si consolida il terzo posto…
“Era importante iniziare bene l’anno, dopo che l’anno scorso non avevamo iniziato bene. E’ stata una partita dura, l’importante è aver portato a casa i tre punti”.

Nelle ultime partite casalinghe per quattro volte la Roma non ha subito gol…
“Quando parliamo di questi numeri il merito è di tutta la squadra, dalla pressione che facciamo in attacco per poi arrivare in difesa. Sicuramente dà fiducia quando prendi pochi gol ed è importante così”.

Avete avuto la fame di vincere…
“Nel primo tempo la Sampdoria ci ha aspettato molto, per noi difensori il compito non era difficilissimo ma in queste partite si deve rimanere concentrati al massimo. Poi con la pioggia che rovinava il campo si è dovuta alzare la concentrazione. In queste partite quando spingi e non arriva il gol rischi di fare l’errore e comprometterla, siamo stati bravi tutti a rimanere concentrati e questi tre punti sono meritati”.

Sull’attenzione siete cresciuti…
“Sì, purtroppo siamo inciampati in alcune partite brutte dove abbiamo avuto un blackout. Anche col Cagliari, io in primis, abbiamo rischiato di regalare il gol. E’ un campionato strano e bisogna rimanere concentrati. Anche l’assenza del pubblico incide, con i tifosi all’Olimpico la concentrazione è al massimo e loro ti spingono a dare il massimo. Sappiamo che se manteniamo la concentrazione al massimo siamo forti ed è difficile segnarci”.

Ora devi segnare…
“Lo spero, ma bisogna prima difendere (ride, ndr)”.

Il numero 23 giallorosso ha commentato l’importante vittoria anche a DAZN.

Quattro partite nelle ultime 6 a porta inviolata…
“Sicuramente quando prendiamo pochi gol o nessuno è merito di tutta la squadra, dalla pressione davanti fino a noi dietro. Ci sono state quelle due partite in cui abbiamo preso 4 gol, ne abbiamo già parlato, cerchiamo di non ripetere quelle prestazioni. Siamo concentrati tutti i 90′ e cerchiamo di dare solidità difensiva a tutta la squadra, ma è merito di tutti”.

La difesa della Roma è ritenuto uno dei reparti più interessanti della Serie A…
“Ci fa piacere, sicuramente dopo 2 anni che lavoriamo con il mister capiamo meglio le cose che ci chiede, ci capiamo tra di noi ed è più facile giocare. Ibanez è arrivato e io sapevo che era giovane ma forte, Kumbulla lo aveva già dimostrato con il Verona, Smalling sappiamo tutti che valore da alla nostra difesa”.

Si vocifera che Fonseca abbia una passione per gli ex Atalanta, perché avete la disciplina giusta…
“Il mister fa le sue scelte, Atalanta o no guarda i ragazzi, come siamo. Essere cresciuto nell’Atalanta mi ha aiutato a crescere a livello calcistico e come uomo”.

Zaniolo sta vivendo un momento particolare, hai una parola da dire nei suoi confronti?
“Lo conosco da tanto tempo, da quando era piccolo. Ognuno ha la sua vita privata, sicuramente è un ragazzo con la testa sulle spalle, prenderà le decisioni giuste. Noi gli siamo vicini, come siamo vicini a tutti. A Trigoria è un professionista, viene da due infortuni gravi, si allena come un toro tutti i giorni e vederlo così per noi è importante”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra