Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Conferenze stampa

Fonseca: “Domani cambierò due-tre giocatori. Mercato? Pinto sa i nomi che possono rinforzarci”

Le parole del tecnico giallorosso

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita con il Crotone, valida per la sedicesima giornata di Serie A:

Con la Sampdoria è stata una partita faticosa, poi ci saranno due impegni importanti con Inter e Lazio. E’ meglio dare continuità a questo gruppo oppure sta ragionando se fare un turnover?
“Come ha detto è stata una partita fisicamente pesante per la strada, il problema è che non abbiamo tempo per recuperare. Non penso alle prossime partite ma a quella di domani. Possibilmente cambierei due-tre giocatori ma quello che sento è che quando abbiamo cambiato 2-3 giocatori le intenzioni della squadra non sono cambiate. Sui giocatori che giocheranno domani, vediamo domani”.

La nuova proprietà si rende conto che fare investimenti sul mercato ora potrebbe dare un ritorno economico con la qualificazione in Champions?
“Sì, con la proprietà stiamo sempre parlando, loro sanno quali sono le necessità della squadra in questo momento per migliorarla. Stiamo parlando e lavorando insieme per tornare la squadra più forte”.

E’ vero che lei non ha fatto richieste di mercato specifiche?
“Io sto parlando sempre con Tiago, sa i giocatori di cui abbiamo bisogno e i nomi che ho dato. I nomi che per me possono migliorare la squadra. Stiamo parlando e abbiamo diversi nomi. Ma sto parlando sempre con lui di questa cosa in questo momento”.

Contro il Crotone ritiene che sia più importante avere forti ricambi nel secondo tempo o bisogna partire forti?
“Indipendentemente da chi gioca domani io oggi ho parlato con i giocatori di questo. Il Crotone è una buonissima squadra, non dobbiamo guardare la posizione in classifica ma guardare quello che hanno fatto nelle ultime partite. Io ho guardato la partita con l’Inter e ho visto una squadra con grande qualità e coraggio. Non è facile, soprattutto il primo tempo, giocare come hanno fatto contro l’Inter. Domani sarà una partita difficile ma dobbiamo giocare con molta ambizione e attenzione per vincere una partita contro un avversario che ha molta qualità. Vogliono sempre la palla, hanno molto coraggio e sarà una partita difficile”.

In quale reparto avrebbe bisogno di un rinforzo?
“Non voglio parlare di mercato in questo momento, quello che posso dire è che stiamo lavorando insieme per migliorare la squadra. Di nomi non voglio parlare, non parlo mai di nomi che non sono in squadra. Poi quando arrivano possiamo parlarne ma in questo momento non è importante”.

Il campionato se lo giocheranno solo Inter e Juventus o vede una corsa fino alla fine compresa la Roma?
“Continuo a dire che le squadre che hanno fatto l’investimento più grande per vincere il campionato senza dubbio sono Juve e Inter poi abbiamo 5-6 squadre che sono forti e che possono lottare per il campionato. Tutti possiamo vedere quello che sta facendo il Milan e per me è una candidata, come possono essere Napoli e Atalanta. Continuo a dire che le principali sono le due squadre che hanno investito di più”.

Per voi il mercato rappresenta l’opportunità di confermare il terzo posto a fine stagione oppure un’opportunità per avvicinarsi a Inter e Milan?
“Un’opportunità per migliorare la squadra per tornare ad essere la squadra più forte”.

Come sta Spinazzola? Recupera per l’Inter?
“Sta bene, sta recuperando bene e sono fiducioso che possa recuperare per l’Inter”.

Carles Perez non è mai partito titolare in campionato, domani può essere quella giusta per rilanciarlo? Su di lui ci sono voci di un possibile prestito, cosa avete intenzione di fare?
“Carles sta migliorando molto, ha più fiducia e quello che dico è che può essere un giocatore importante in squadra. Sono fiducioso che in questo momento è in crescita”.

Quanto è importante occupare gli spazi in mezzo al campo?
“Penso che per me è difficile isolare i momenti. Sono tutti momenti importanti della partita e sono legati, non posso dire che o ho la preoccupazione dello spazio in mezzo. E’ vero che dipende dalla partita ma la strategia per ogni partita può essere diversa. A volte può essere più importante lo spazio in mezzo ad altre lo spazio esterno. Dipende”.

Un aggiornamento sulle condizioni di Mirante e Santon?
“Stanno meglio, stanno recuperando ma non sono pronti per domani”.

Quanto è diventato determinante Karsdorp e quanti margini di crescita ha?
“Molti, sta meglio e ha imparato molto offensivamente e difensivamente ma ha margini di crescita. Poi può migliorare in determinati aspetti della partita”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa