Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Villar cambia la Roma

Con Gonzalo la squadra ha più equilibrio nella fase di costruzione: la manovra inizia dal basso. A Crotone per lui 67 passaggi positivi su 69. E ora c’è l’Inter

Nella vittoria di mercoledì scorso a Crotone c’è un dato che è emerso in modo eloquente, la grande capacità di Gonzalo Villar di non sprecare mai niente di ciò che riceve in dote. Non una banalità, perché poi il regista proprio questo deve saper fare. Ed allora quei 67 passaggi positivi sui 69 palloni giocati complessivamente dallo spagnolo della Roma impressionano un po’ tutti.

Gonzalo Villar sembra essersi preso davvero la Roma. E se non in maniera definitiva, sicuramente in un modo importante. Terminato il periodo di apprendistato e studiato a fondo il campionato italiano, il mediano giallorosso ha capito sempre meglio il calcio di Fonseca. Calandocisi dentro, al cento per cento.

E Fonseca ha finito con il trovare quel regista che andava cercando dall’inizio della sua avventura romanista. Lì, in quel ruolo, ci aveva provato prima Diawara, poi Cristante e infine Pellegrini. Ma nessuno sembra calzarci alla perfezione come Villar. Che il calcio di Fonseca sembra averlo ben fisso in testa, per sviluppo e dinamica.

Sa quando abbassarsi, quando temporeggiare o osare. O anche quando c’è da alzare il ritmo o limitarsi a palleggiare, per poi cercare il varco giusto e andare a far male all’avversario di turno. Con lui la Roma ha trovato probabilmente il regista che cercava. L’importante è non perdersi, ma la testa sembra quella giusta. Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa