Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Conte: “Buona gara contro la terza forza del campionato. La squadra ha una sua struttura”

Il tecnico nerazzurro: “Venire qui e fare questo tipo di partita contro la Roma significa che abbiamo una fisionomia, che siamo una squadra”

Al termine della gara contro la Roma all’Olimpico ha parlato il tecnico dell’Inter Antonio Conte. Le sue parole:

30 gol su 43 sono arrivati nei secondi tempi, solo nel finale non è riuscito il passo in più, cosa manca per fare un passo in più?
Penso sia stata una buona partita nostra anche nel primo tempo contro la Roma che ha gli stessi obiettivi che abbiamo noi. E’ la terza forza del campionato, venire qui e fare questo tipo di partita contro la Roma significa che abbiamo una fisionomia, che siamo una squadra.

Ci racconta un po’ perché ha sostituito Hakimi, Lautaro, Vidal…
Vidal si è infortunato e ha chiesto la sostituzione. Lautaro ha dato tantissimo in quei 75 minuti anche perché si abbassava nella fase di non possesso per evitare i filtranti con Pellegrini. Hakimi ha dato tanto e stava perdendo palle importanti. Hanno sempre giocato, è la terza gara in 7 giorni. Le sostituzioni ci stanno, non vedo perché non si debba pescare dalla panchina.

Avete dato una prova di forza, 25-30 minuti forse una delle Inter migliori di questa stagione. L’ultimo quarto d’ora è stato merito della Roma o vuoi che la tua squadra la gestisca diversamente?
Penso che alla fine subentri anche l’ansia di un risultato importante che ti porta mentalmente a dire ‘mi abbasso’. Invece noi dalla panchina continuavamo a chiedere la pressione alta, abbassarti non è una buona cosa. Anche a livello psicologico chi sta perdendo si butta in avanti, non ha niente da perdere. Dobbiamo lavorare anche sotto questo aspetto. Penso che la squadra abbia una propria struttura e lo dimostri ogni partita. Mi hanno colpito le parole di Fonseca in conferenza, che ha detto che è difficile trovare delle contromosse con noi. Questo fa capire che c’è un lavoro organizzato in questa squadra che spesso non viene riconosciuto.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News