Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Montiel, sono ore decisive. El Shaarawy-Bernard: ballottaggio

Anche il Lione sul terzino destro argentino. Tiago Pinto vorrebbe prima piazzare altrove qualche esubero

Dal suo arrivo a Roma, nascosto in un angolo discreto dove sta smaltendo il Covid, Tiago Pinto ha avuto più contatti con il telefono che con gli esseri umani. Essendosi dedicato al mercato. Pinto ha stretto nuove relazioni.

Lo hanno cercato in tanti, agenti e intermediari, per presentarsi e per offrire. A tutti ha dato una risposta standard: datemi il tempo di tornare in pista e ci vediamo. Nel frattempo però, dopo i colloqui con gli altri dirigenti e con Fonseca,si è fatto un’idea di ciò che serve alla Roma.

E si è mosso in prima persona per rinforzare la squadra: Gonzalo Montiel, ieri in campo nella Copa Maradona con la maglia del River Plate, è da tre settimane il principale obiettivo per la fascia destra, possedendo i requisiti importanti: una discreta esperienza unita alla giovane età e il passaporto spagnolo che lo equipara allo status di un calciatore comunitario, pur essendo un nazionale argentino.

La Roma è in corsa per prenderlo a 7 milioni, ma sull’affare è piombato l’ex Garcia che vorrebbe portarlo al Lione. C’è chi parla di un accordo già raggiunto con il giocatore, che va in scadenza a giugno. Pinto, da parte sua, vorrebbe chiudere ma prima deve piazzare qualche esubero.

In difesa come in attacco, dove El Shaarawy resta in cima alla lista delle preferenze. Più di Bernard, che Ancelotti a dispetto delle apparenze e delle dichiarazioni di circostanza lascerebbe partire. Si legge sul Corriere dello Sport.

 

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa