Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Affare Pedro Neto, la Lazio ha pagato la squadra sbagliata? Il giallo sul mercato

La Lazio ha fatto sapere che il proprio dipartimento finanziario ha erroneamente elencato due pagamenti del valore di 11 milioni di euro per Pedro Neto allo Sporting Lisbona. La vicenda

Dov’è l’errore?

In primis Pedro Neto non ha mai giocato nello Sporting Lisbona bensì nello Sporting Braga, infatti il club biancoleste – stando a quanto messo in luce dal The Guardian – avrebbe scambiato i due club per via “dei nomi simili” durante la fase di pagamento.

Si tratta di un caso emerso già da qualche mese ma il tabloid britannico ha ulteriormente indagato contattando Armando Calveri, segretario generale della Lazio, che così ha spiegato l’errore: “Ci tengo a precisare che, entrambi i giocatori, Pedro Neto e Bruno Jordao, sono stati acquistati dallo Sporting Braga e non dallo Sporting Lisbona. Un errore del nostro dipartimento finanziario che è stato ingannato dai nomi simili dei due club. Come ben sapete, lo Sporting Lisbona non ha infatti mai registrato i giocatori. Adegueremo i nostri bilanci specificando le note relative ai due casi“.

Differenze di prezzo tra Braga e Lazio

Il giornale inglese mette anche in risalto la differenza di prezzo sul cartellino di Pedro Neto. La Lazio elenca un pagamento per 11 milioni di euro, il Braga 9,5. Un’altra situazione che Calveri ha chiarito: “Le informazioni finanziarie relative al trasferimento del giocatore sono riservate e rendono le cose più misteriose. Ma in questo caso l’immaginazione supera la realtà. L’indagine è fuorviante, visto il diverso metodo fiscale adottato dai due club. Tutti gli importi relativi al trasferimento sono dichiarati nel Fifa TMS (sistema dei trasferimenti ufficiali, ndr) che tutela la trasparenza nelle transazioni finanziarie tra i club”.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News