Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, crisi da derby

A Trigoria definiscono inaccettabile la sconfitta di venerdì

La parola d’ordine ufficiale che filtra da Trigoria è una sola: “inaccettabile“. Proprio ciò che pensa il tifo. In un campionato assai equilibrato, gli scontri diretti assumono un ruolo più importante del consueto. Sotto questo aspetto, però, è tutta la gestione di Paulo Fonseca a essere deficitaria, visto che sotto la sua guida la Roma ha vinto solo 3 big match sui 18 disputati (Coppa Italia compresa). La proprietà vuole capire. Per questo ieri ha parlato con Tiago Pinto, che a sua volta è stato a colloquio con l’allenatore.

Se in questo campionato la squadra giallorossa ha ottenuto solo 3 pareggi in 6 partite, subendo in queste sfide ben 18 gol, significa che il malessere ha radici profonde, visto che sono tante le squadre ad aver fatto meglio dei giallorossi. Ieri l’allenatore ha parlato con la squadra, evidenziando gli errori commessi. Ma se gli errori individuali non sono mancati, le mosse del portoghese sono parse poco convincenti. Mentre si è corso ai ripari su Lazzari (così come su Hakimi) solo quando è stato troppo tardi, l’innesto di Pedro ha sbilanciato ulteriormente la Roma, che ha corso il rischio di subire molte più reti. In generale, se la manovra è bella se ci sono spazi per ripartire, davanti a chi fa della densità difensiva un valore i giallorossi soffrono e offrono spazi, mettendo in crisi la difesa. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa