Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lazzari: “Approcciato il derby nel migliore dei modi. L’errore di Ibanez? Ci ho creduto fino alla fine”

Le parole del biancoceleste

Manuel Lazzari, terzino della Lazio, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Lazio Style Radio, tornando sul derby:

Sicuramente ho giocato la miglior partita, tutta la squadra ha disputato un derby magnifico e la vittoria è stata bellissima. Siamo contenti della prestazione e del successo che ci dà una grande spinta“.

Quando avete capito di avere il controllo totale della partita?
“Abbiamo approcciato la gara nel migliore dei modi, eravamo cattivi su tutti i palloni e arrivavamo sempre prima. Abbiamo capito prima del secondo gol che il derby poteva essere nostro. Fin dai primi 10-15 minuti avevamo la sensazione di poter portare a casa la partita”.

Quando ha capito di poter rubare la palla a Ibanez sul primo gol?
“Quando un compagno prende palla noi esterni partiamo sempre, poi ci ho creduto fino alla fine perché si sa che un avversario può sbagliare. Fortunatamente dopo il rimpallo la palla è andata a Immobile che da lì non sbaglia mai. Quando ho intercettato la palla di Ibanez la palla era a metà strada e mi sono buttato, poi ho visto Ciro e mi sono spostato”.

Il secondo gol?
“Milinkovic mi ha dato una palla in profondità, c’è stato un bel duello con Ibanez e poi sono stato bravo a mettere il corpo davanti. C’era fallo da rigore ma quando ho visto che l’arbitro non avrebbe fischiato ho dato la palla a Luis Alberto ed è andata bene”.

Terminata la gara cosa vi siete detti in vista delle prossime partite?
“Dopo le vittorie con Parma e Fiorentina sapevamo che sarebbe stata una sfida cruciale per salire in classifica. Ci stiamo rialzando e ci siamo detti che se giocavamo da Lazio potevamo vincere. Conosciamo la nostra forza, dovevamo solo tornare quelli dell’anno scorso. Il derby ha dimostrato che la Lazio c’è ed è viva”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News