Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Classe, vittorie e lotta al Palazzo. Viola, trent’anni senza il più amato

Il ricordo del presidentissimo giallorosso

“La Roma non ha mai pianto e mai piangerà. Perchè piange il debole, i forti non piangono mai“. Parole di Dino Viola. La sua Roma, però, pianse, quel 19 gennaio del 1991 quando il “presidente scudetto” morì. Un palmares di tutto rispetto con lo scudetto, quattro vittorie in Coppa Italia (la quinta già avviata sollevata per lui da Donna Flora) e quella finale di Coppa Campioni che stringe il cuore romanista. La Romaera diventata grande, e pure “maggica“, con Dino Viola presidente. Considerato più padre che padrone dai giocatori.

Il gol di Turone fu il simbolo del Viola contro il Palazzo che caratterizzò la sua lunga stagione presidenziale. Una “questione di centimentri” sancì Viola. Il presidente della Juvedi allora, Giampiero Boniperti, replicò con un certo spirito inglese facendo recapitare un righello al fine di misurazione. Viola lo restituì al mittente replicando “Penso che serva più a Lei che è geometra, io sono ingegnere meccanico“. Lo scrive “Il Messaggero”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa