Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Sesta sostituzione, l’irregolarità della Roma costa la sconfitta a tavolino

Fonseca effettua due ulteriori sostituzioni dopo le 4 già fatte nei tempi regolamentari: errore che costa la sconfitta a tavolino

Nuovo pasticcio della Roma sul piano regolamentare: dopo la doppia espulsione di Mancini e Pau Lopez, Fonseca ha effettuato due ulteriori sostituzioni dopo le quattro già fatte nei regolamentari, pensando di avere un cambio in più essendo nell’extra time.

Il comunicato ufficiale 206/A, quello con cui si porta da tre a cinque il numero di cambi disponibili chiarisce la questione, consentendo un quarto slot rispetto ai tre standard, ma non un cambio in più rispetto ai cinque già effettuati. Ecco il testo:

di prevedere che ogni squadra possa effettuare le suddette sostituzioni utilizzando  al massimo tre interruzioni della gara, oltre all’intervallo previsto tra i due tempi di gioco, nonché, nell’eventualità di disputa dei tempi supplementari, una quarta interruzione, oltre a quelle previste tra la fine dei tempi regolamentari e l’inizio del primo tempo supplementare e tra il primo e il secondo tempo supplementare, solo nel caso in cui al termine dei tempi regolamentari siano stati sostituiti meno di cinque calciatori/calciatrici. Si precisa che, laddove le due squadre effettuino una sostituzione nello stesso momento, questa verrà considerata un’interruzione della gara utilizzata per le sostituzioni da entrambe le squadre”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra