Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Incredibile a Trigoria: “Non ci alleniamo”

Ore intense a Trigoria

Un ammutinamento in piena regola. Rientra dopo tre ore abbondanti di chiacchiere e scontri, ma indicativo di una tensione diffusa. Nella settimana più delicata della gestione Fonseca, la Roma ha vissuto un giovedì elettrico a Trigoria: i giocatori non volevano allenarsi.

Sul piatto della discussione non c’era soltanto il malcontento generale per l’allontanamento del team manager Gianluca Gombar, ma anche e soprattutto una questione privata interna, riguardante un calciatore e un membro dello staff. “Una cosa grave“, raccontano spifferi di spogliatoio.

Resta la situazione desolante in cui si è trovato incolpevolmente Fonseca, sceso in campo con i collaboratori in attesa della squadra. Che invece è rimasta nello spogliatoio, compatta nella protesta. “Noi non usciamo”. Dopo un confronto accesso, la giornata è tornata quasi normale. Il risultato è che per il secondo giorno consecutivo l’allenamento è stato spostato al pomeriggio.

Non è sicuramente la maniera migliore per preparare una partita fondamentale. Ma siccome da queste dure discussioni emerge spesso qualcosa di buono, Fonseca ha capito dai giocatori che nessuno gli sta andando contro. Ci sono delle perplessità sui suoi sistemi di lavoro, sull’intensità degli allenamenti, ma la stima dello spogliatoio per la persona e per il professionista non è stata scalfita dalle ultime due partite. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa