Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko, pace complicata

Prove di mediazione a Trigoria: piazzare il bosniaco è quasi impossibile

Prove di mediazione. Inevitabili. Perché dopo lo strappo tra Dzeko e Fonseca, più trascorrono le ore, più ci si rende conto che trovare una sistemazione a Edin in meno di una settimana, è più complicato che scalare senza corde e a mani nude l’Everest. Questo perché il calciatore, nell’incontro andato in scena venerdì con il nuovo agente Lucci, è stato molto chiaro con il club. Della serie: io voglio restare qui. Se proprio deve andare via, la preferenza va all’Italia a meno che non si aprano spiragli in un top club. In questo caso la predilezione va alla Spagna. E tentativi in tal senso con Real Madrid e Barcellona sono stati effettuati. Il paradosso vuole che entrambi i club erano disposti a parlarne ma per motivi diversi, le possibili trattative si sono arenate sul nascere. A Madrid perché il designato a venire nella Capitale, Mariano Diaz, ha detto subito di no. A Barcellona perché le imminenti elezioni presidenziali, inducono la società a non effettuare grandi investimenti.

Sondaggi vani anche in Premier con Everton e Manchester City. Rimane quindi la pista italiana, tra l’altro la preferita da Dzeko. Ma in questo caso è la scarsa liquidità a farla da padrone. Sia Inter che Juventus hanno chiuso i rispettivi bilanci in deficit e non hanno dunque margini di manovra sul mercato. Ergo, l’unica via praticabile, considerando lo stipendio del calciatore (7,5 milioni), l’anno e mezzo di contratto che gli rimane (2022) e l’età (35 anni il prossimo 17 marzo), rimane uno scambio di prestiti.

I nerazzurri possono mettere sul piatto Eriksen e in seconda battuta Pinamonti. La Juventus, tra i nomi che possono interessare a Trigoria, Bernardeschi, che però non si vuole muovere da Torino e gioca in ruolo (ala) che il 3-4-2-1 non contempla. Ieri il ds Paratici, pur non nominando Edin, ha lasciato aperto uno spiraglio: “Non abbiamo necessità, è un mercato di opportunità, siamo alla finestra e vediamo se succede qualcosa che ci può interessare“. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa