Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Florenzi: “Sto molto bene al PSG. La mia firma è stata un momento speciale”

“Ho giocato con Leandro Paredes alla Roma, e il fatto che parli italiano mi ha aiutato”

Alessandro Florenzi, terzino della Roma in prestito al PSG, ha parlato di questa prima parte di stagione in Francia al sito ufficiale del club parigino.

Sono passati alcuni mesi dal tuo arrivo al PSG, come stai?
Sto molto bene! In tutta franchezza, i miei compagni di squadra mi hanno accolto in modo fantastico. In pochissimo tempo mi sono integrato molto bene nel gruppo. Conoscevo anche alcuni giocatori prima di firmare per il Paris, il che ovviamente mi ha aiutato molto. In particolare ho giocato con Leandro Paredes alla Roma, e il fatto che parli italiano mi ha aiutato, così come il fatto che parlo anche spagnolo dopo la mia permanenza a Valencia. La mia firma è stata un momento speciale. Sono entrato in un nuovo campionato che non conoscevo e mi ha sorpreso in ogni modo. Ovviamente imparare il francese non è facile, ma cerco di farlo perché voglio sentirmi ancora più a casa qui a Parigi.

Ti sei messo in mostra dall’inizio della stagione, anche con alcuni gol…
Sì, questo è il mio gioco! Mi piace molto attaccare e siamo una squadra che attacca molto. Poi devi anche stare attento in difesa. Per attaccare bene, devi prima di tutto essere organizzato dietro. Questo è ciò su cui stiamo lavorando. Il mio gol contro l’Angers? Penso di aver segnato gol ancora migliori in carriera. Era esattamente quello che volevo fare. Ho controllato bene la palla. Era la mia unica opzione e l’ho fatto bene. Spero di segnare più gol e che i nostri tifosi tornino presto allo stadio perché ci mancano tanto.

Cosa pensi del primo periodo di Pochettino e il suo staff?
Avere un nuovo allenatore significa lavorare su nuove idee tattiche. Dobbiamo ascoltare quello che ci dice e fare di tutto per applicare le sue istruzioni. Si tratta di idee nuove che stiamo cercando di imparare. Non è facile perché l’allenatore è qui solo da poco. Tutto procede bene. Lo staff ci ha subito spiegato il loro modo di lavorare. Adesso dobbiamo dare il massimo. Siamo una squadra e dobbiamo andare avanti insieme.

Tu e Pochettino avete vinto il vostro primo trofeo…
Onestamente, è stata una bella sensazione! Non mi aspettavo una festa del genere dai miei compagni di squadra e mi ha commosso molto. Ora, dopo aver vinto il mio primo trofeo, non voglio fermarmi. Voglio continuare a vincere e vincere più trofei possibile. Voglio davvero continuare a vincere. Vincere non è mai facile. Tutti giocano al 110% contro il Paris Saint-Germain e dobbiamo fare del nostro meglio, ogni volta, per difendere questa maglia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News