Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Nuno Gomes: “Tiago Pinto ha una grande mentalità”

“È il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via, è un manager esigente”

Il dirigente del Benfica, Nuno Gomes, intervenuto a Rete Sport ha parlato di Tiago Pinto, suo collega fino a qualche mese fa: “Tiago è un direttore generale dell’area sportiva, si occupa di tutto ció che riguarda il settore sportivo a 360 gradi, dai rapporti con l’allenatore a quello con i giocatori, è un uomo sempre vicino ai calciatori, alle famiglie dei calciatori, che si occupa molto dello spogliatoio. Qui al Benfica faceva coppia con Rui Costa come dirigenti della prima squadra. È un direttore generale a tutto tondo, che nasce dalla gestione della polisportiva del Benfica e che poi si è trasferito alla prima squadra calcistica. Ha vinto, ha fatto bene, è un personaggio positivo, un grande lavoratore. È il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via, è un manager esigente, che da tutto se stesso e ha una grande mentalità”

Come sviluppa il suo lavoro sul mercato?
”Non credo abbia una linea unica. È la sua prima esperienza all’estero, Roma è una piazza difficile, dipende dalla filosofia e dalla linea societaria. Al Benfica ha lavorato molto sui giovani, perché nel recente passato il club non aveva il potere economico per lottare con i top club europei. Ha ampliato il settore dello scouting per trovare giovani talenti in grado di far vincere il Benfica e contestualmente essere un valore economico per la società”

Porterà a Roma talenti del Benfica?
”Non lo so, sicuramente conosce benissimo tutti i ragazzi del Benfica e credo che se ci sarà necessità a Roma di rinforzi, penso possa tenerli in considerazione. Uno di questo è Nuno Tavares, che sta facendo benissimo da terzino sinistro. Ci sono giovani molto validi nella Primavera del Benfica”

Credi che Tiago avrà bisogno di un direttore tecnico vicino come accaduto con Rui Costa?
”Non conosco esattamente quale ruolo avrà Tiago a Roma, mi sembra di aver capito che sarà un direttore generale anche con mansioni sul mercato. Qui al Benfica lui collaborava con Rui Costa, che si occupava di più del mercato mentre Tiago si occupava più della quotidianità della squadra, ma erano sempre insieme a lavorare”

Fonseca?
“Sta facendo molto bene a Roma, nonostante non sia facile, chiaramente ha perso qualche partita di troppo recentemente, ma la squadra giallorossa farà bene con Paulo e avrà una grande partita anche in Europa League contro il Braga, formazione difficilissima da affrontare. Da giocatore Paulo era un difensore molto valido, bravissimo nell’uscita col pallone e ha portato queste idee anche nei suoi allenamenti. Con Dzeko non so cosa sia accaduto di preciso, qualcosa mi è arrivato all’orecchio anche a me, ma credo che per Fonseca la prima cosa sia la squadra: sta sempre dalla parte dei calciatori, ma poi dinanzi a certi episodi mette al primo posto la squadra”

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News