Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La ribellione giallorossa: “Scambio senza senso”

La tifoseria contraria: “Come possiamo cedere Dzeko a una nostra rivale e prendere Sanchez?”. La meraviglia di Boniek e Pruzzo: “Sarebbe solo un favore ai nerazzurri”

Il mondo Roma si è espresso molto chiaramente: no allo scambio DzekoSanchez. Negli ultimi giorni i tifosi giallorossi tra social e radio hanno manifestato tutto il loro disappunto: “Va bene cedere Dzeko, ma non uno scambio del genere. Operazione vantaggiosa solo per l’Inter”.

C’è chi poi ha gridato al vero e proprio scandalo: “Come pensare a una trattativa del genere con una squadre che è lontana solo quattro punti? Può essere una rivale per la zona Champions, cedere a conte uno dei migliori giocatori per prendere un loro scarto avrebbe significato consegnare lo scudetto all’Inter”.

“Quello che è successo tra Dzeko e Fonseca capita in tutte le squadre, entrambi devono fare un passo indietro – h dichiarato Angelo Di Livio a Retesport – Credo che la società avrebbe dovuto fare qualcosa in più per risolvere la situazione. Se lo scambio con Sanchez alla fine dovesse andare in porto, la Roma sarebbe più debole rispetto alla prima metà della stagione”.

Boniek molto critico sull’operazione: “Mi sono meravigliato quando ho letto di questo affare, non capisco quale sarebbe il senso di questo scambio. Sanchez era molto importante qualche anno fa, adesso mi sembra abbia la faccia stanca”, ha dichiarato a Cento suono Sport.

Scambio incomprensibile per Pruzzo: “Ma per favore…Sanchez restasse al’Inter. Un’operazione senza logica, la Roma farebbe un favore ai nerazzurri. Il cileno serve solo a togliersi di mezzo il bosniaco”, ha detto a Radio Radio. Si legge sul Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa