Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mirante preferito a Lopez. Silvestri, idea per il futuro

Mirante

Il trentasettenne dovrebbe tornare tra i pali. E a Trigoria pensano già alle prossime stagioni

Quella giallorossa è una porta girevole. Chi la conquista, prima o poi, la perde. Capita di rado che i due portieri in squadra abbiano più o meno le stesse presenze al punto da non poter dire con certezza chi sia il titolare. Alla Roma sta succedendo, con Pau Lopez e Mirante protagonisti di una staffetta anomala.

Domani sera contro il Verona dovrebbe toccare al “Bell’Antonio” che ha smaltito l’infortunio al bicipite femorale. Sulla carta Pau Lopez sarebbe il titolare, ma qualche errore di troppo gli ha fatto perdere credibilità agli occhi dell’allenatore e dei tifosi.

E così il 37enne ha scalato le gerarchie, superando per la prima volta il collega dopo il lockdown e poi di nuovo all’inizio della stagione. A fine stagione potrebbe arrivare un taglio netto su entrambi i fronti, oppure si deciderà di andare avanti solo con l’ex Parma in qualità di vice del titolare che verrà. Più difficile invece ipotizzare una permanenza di Lopez.

Domani all’Olimpico la Roma affronterà uno dei portieri che segue con interesse: Marco Silvestri, classe ’91 dell’Hellas che costa 10 milioni. Tiago Pinto sta sondando anche altri profili come Cragno, Gollini e Meret, ma Cagliari, Atalanta e Napoli non accetteranno proposte sotto ai 15-20 milioni. Si legge sul Corriere dello Sport.

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa