Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko non c’è ma l’attacco resta al top con Borja e Micki, i bomber di “scorta”

La Roma va anche senza il bosniaco

L’atteggiamento è quello da leader, anche in tribuna. Il comportamento di Dzeko non è passato inosservato: prima del fischio d’inizio della partita contro il Verona si comporta da capitano in tribuna, si siede vicino ai giocatori non convocati e a due passi da quelli in panchina. Appena ha visto il nuovo acquisto Reynolds è corso a dargli il benvenuto, un modo di fare da padrone di casa, perché questo si sente, nonostante Tiago Pinto abbia provato fino all’ultimo a scambiarlo con Sanchez.

Poco distante da lui anche El Shaarawy, con cui si è salutato in maniera più calorosa. Neanche un cenno d’intesa invece con Dan e Ryan Friedkin. Nel secondo tempo, quasi annoiato dalla partita a senso unico, ha trascorso più di 30 minuti con Kalinic dopo che è stato sostituito. Il bosniaco si sente ancora a casa sua, esulta e sorride ai gol dei compagni, magari con un pizzico di amarezza per non essere in campo.

Dalla tribuna ha visto Mayoral segnare il nono gol stagionale e Mkhitaryan partecipare alla diciassettesima rete stagionale tra gol (9) e assist (8). Solo Bruno Fernandes ha fatto meglio: “I numeri? Io lavoro per la squadra” ha dichiarato l’armeno

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa