Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Bavagnoli: “Risultato ok, ma potevamo fare meglio”

“Nel calcio la devi buttare dentro, altrimenti vai a casa con 0 punti”

Elisabetta Bavagnoli, allenatrice della Roma Femminile, ha parlato a Roma TV dopo la vittoria della sua squadra contro il Pink Bari.

La Roma ha trovato la giusta direzione.
“Oggi abbiamo fatto risultato anche largamente, ma abbiamo concesso qualcosa dal punto di vista della prestazione. Siamo state meno pulite, forse complice anche un terreno di gioco particolare, non è mai facile qui. All’inizio, nella prima parte  ci siamo intestardite per trovare nei cambi di gioco con palle aeree, ma su campi del genere con rimbalzi particolari era meglio palleggiare a terra. Non l’abbiamo fatto nella prima parte, meglio nella seconda parte del primo tempo e siamo arrivate al gol. Contenta per il risultato, ma non dobbiamo perdere di vista il nostro modo di voler giocare e gestire le situazioni della gara, essere efficaci e concrete”.

Vedendo il percorso della Roma nel 2021, c’è rammarico per l’inizio della stagione?
“Il rammarico c’è, assolutamente. Se avessimo fatto un percorso un pochino più netto sicuramente staremmo commentando una classifica diversa. Come ho detto l’altra volta, le cose si costruiscono pino piano, col tempo. Ci sono tanti fattori che contribuiscono alla realizzazione di una prestazione, di una squadra con un’organizzazione di gioco. Abbiamo mancato in diverse cose, anche se mai completamente in una buona prestazione. Ma nel calcio la devi buttare dentro, altrimenti vai a casa con 0 punti”.

I numeri dicono che alcune calciatrici di esperienza stanno vivendo una condizione molto importante che si ripercuote sulla squadra. Anche da questo punto di vista la Roma ha trovato dei punti di riferimento.
“Una squadra che vuole arrivare a determinati traguardi non può prescindere dall’esperienza e dalla qualità di giocatrici importanti. Il nostro lavoro non si è vista nella prima parte, sta venendo fuori adesso. È come se a un certo punto le giocatrici di esperienza avessero preso in mano la situazione, stanno diventando leader ed esempi per le più giovani, pensando che la Roma ha giovani davvero interessanti. È il mix che ci serviva”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile