Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Diritti tv, Sky si prende Champions, Europa e Conference League per il triennio 2021-2024

La Champions League e l’Europa League continueranno ad essere trasmesse su Sky

Nella giornata di oggi la pay-tv ha infatti ufficializzato l’acquisizione dei diritti televisivi delle due competizioni per il triennio 2021-24. C’è anche una novità. Alle suddette si aggiunge la Conference League, la nuova competizione continentale che prenderà il via proprio dalla prossima stagione.

La rete satellitare trasmetterà dunque 121 partite della Champions League, oltre a tutte le 282 di Europa e Conference League. Le restanti 16 gare della Champions saranno invece disponibili su Amazon Prime.

Di seguito il comunicato ufficiale: ”Sky ha acquisito i diritti audiovisivi per la trasmissione di 121 delle 137 partite a stagione della UEFA Champions League per il triennio 2021/2024 e di tutte le 282 partite a stagione della UEFA Europa League e della UEFA Europa Conference League sempre per il triennio 2021/2024” si legge nella nota diffusa. “Saranno quindi ben 403 i match per ognuna delle tre stagioni di UEFA Champions League, UEFA Europa League e della nuova competizione UEFA Europa Conference League, che Sky potrà trasmettere dagli stadi più belli d’Europa, comprese le tre finali. Sky Sport racconterà il sogno europeo delle squadre italiane e degli altri grandi club d’Europa, con la qualità e le tecnologie innovative che esaltano ancora di più la spettacolarità delle sfide, le azioni e i gol dei grandi campioni”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News