Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca nello stadio che non è più tabù: “Voglio vedere una Roma ambiziosa”

La Romaterza, si presenta in casa della Juventus

Quarta ma con una partita da recuperare, e la lista degli assenti è lunga: fuori Pellegrini (squalificato), Smalling e Pedro (infortunati), El Shaarawy (lasciato a Roma per recuperare la migliore condizione) e con Dzeko destinato a partire in panchina dopo due partite – contro Spezia e Verona – passate in tribuna.

Un insieme di fattori che porteranno Fonseca a una piccola variazione: contro la Juve, i giallorossi si schiereranno con un 3-5-2 (fase offensiva), pronto a diventare un 5-4-1 quando il pallone ce l’avranno gli avversari. Il tecnico portoghese ha quasi dato la formazione alla vigilia: in porta ci sarà ancora Pau Lopez; la linea difensiva sarà composta da ManciniIbanez e KumbullaKarsdorp e Spinazzola, sulle fasce, dovranno essere bravi a saper fare tutte e due le fasi di gioco; centrocampo rafforzato con il trio Cristante, Villar e Veretout, che all’andata segnò tutti e due i gol romanisti del 2-2 finale; Mkhitaryan giocherà più vicino a Borja Mayoral. E Dzeko? Fonseca è stato sibillino: “Si è allenato bene, ma il capitano sarà Cristante“.

Il 1 agosto 2020, dopo una striscia di 10 sconfitte consecutive tra campionato e Coppa Italia, la Roma è riuscita a portare via i tre punti dallo stadio bianconero: 1-3 con gol di Higuain, Kalinic e doppietta di Perotti. La gara non contava nulla, perché era l’ultima di un campionato che aveva già dato i suoi verdetti, ma il tabù è stato infranto. Come ha detto Fonseca: “Serve una Roma ambiziosa“. Una Roma che sa che su quel campo si può anche non perdere. Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa