Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Veretout: “Buona partita, dobbiamo lavorare sulla finalizzazione”

Le parole del francese

Jordan Veretout, centrocampista della Roma, ha parlato a Sky Sport dopo la sconfitta con la Juve:

Voi belli, ma loro fanno gol.
“Penso che oggi abbiamo fatto una buona partita, abbiamo fatto il nostro gioco ma non siamo riusciti a segnare. Loro con 2-3 occasioni hanno segnato due gol. Dobbiamo continuare così, siamo sulla buona strada. Già da domenica prossima dobbiamo ripartire, il campionato si giocherà fino alla fine”.

Sta diventando un limite non vincere con le grandi?
“No, oggi abbiamo giocato contro una grande squadra ed è sempre difficile. Penso che abbiamo fatto bene oggi e con fiducia, ma mancava l’ultimo passaggio per fare gol. Dobbiamo lavorare su questo e già domenica prossima abbiamo una partita importante”.

Pirlo ha detto di aver fatto la partita che la Roma ha disputato all’andata
“Sì, all’andata siamo andati più in contropiede e oggi al contrario. Sappiamo giocare il nostro gioco e abbiamo fatto bene fino agli ultimi metri. Dobbiamo lavorare sulla finalizzazione. Oggi avremmo potuto vincere, abbiamo avuto occasioni e siamo sempre arrivati nella loro area. Ma loro hanno fatto gol e noi no”.

Veretout a Roma Tv

Tanti complimenti dagli avversari ma vince la Juve, la differenza la fanno i gol.
“Sì abbiamo giocato bene solo che non abbiamo segnato. Loro hanno fatto 2 gol e così non puoi vincere. Ma abbiamo giocato con fiducia e senza paura. Solo che negli ultimi metri bisognava essere più precisi. Dobbiamo continuare a lavorare con fiducia e vincere altre partite”.

Come mai questi errori? Cosa è mancato?
“Penso un po’ di precisione, forse abbiamo troppa fretta, ma dobbiamo continuare così. Siamo arrivati spesso in area ma dobbiamo riuscire a fare anche gol. In questa stagione abbiamo dimostrato di essere una grande squadra e dobbiamo continuare così”.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra