Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dalla parte di Dzeko. La Roma e una fascia che scotta: la squadra rivuole Edin capitano

I compagni vogliono che il bosniaco torni capitano

Chiariamolo subito, non esistono né fronde né prese di posizione ufficiali. C’è però il desiderio di tornare alla normalità e la voglia di agganciare quel quarto posto che vorrebbe dire tornare in Champions. Ecco, per arrivare a tutto questo la Roma (intesa come squadra) sa che uno come Edin Dzeko non solo è fondamentale, ma potrebbe essere anche decisivo. Ed è per questo che avrebbe piacere che la fascia possa tornare il prima possibile proprio sul braccio del centravanti bosniaco.

A Dzeko la fascia è stata tolta ufficialmente la scorsa settimana, quando il general manager Tiago Pinto  ha fatto il punto sulla situazione. “Un club deve reggersi sulla disciplina. In questo momento Dzeko non è il capitano della Roma, poi lavoreremo per l’interesse della Roma in futuro. E sono sicuro che Edin, in tal senso, sarà il primo a impegnarsi“.

Come dire, oggi la fascia no, domani forse. E questo lo sa Edin e anche Lorenzo Pellegrini, che la fascia l’ha ereditata e la avrà in futuro, ma che in questo momento la ridarebbe volentieri a Dzeko. Per il rapporto di amicizia che li lega e perché anche lui sa bene che molto del presente e del futuro dipende dalle prestazioni di Edin. Ecco perché la squadra è convinta che la decisione migliore sia restituirla al bosniaco. Dall’altra parte, però, c’è anche una società e un tecnico che – giustamente – devono trasmettere valori ed autorevolezza. E che non possono accettare certi comportamenti. Tanto è vero che con l’Udinese, a prescindere, da tutto il capitano sarà ancora Pellegrini. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa