Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pedro Ferreira: “Io, Tiago Pinto e Rui Costa: ecco come abbiamo ristrutturato il reparto scouting”

L’ultima intervista del capo scout che Tiago Pinto vorrebbe portare a Roma

Pedro Ferreira, chief scout del Benfica, ha rilasciato un’intervista al podcast “Vamos Falar de Futebol”. Queste le sue parole riportate da “slbenfica.pt”.

“Sono cresciuto al Benfica. Tutto quello che sono oggi, a livello professionistico, è accaduto all’interno del Club. Ho iniziato nella fase di allenamento, poi sono passato a diventare il capo scouting degli allenamenti, siamo diventati il ​​riferimento nazionale in termini di prospezione. e poi, nella stagione 2017/18, quando José Boto ha lasciato lo scouting del calcio professionistico, si è aperta una finestra lì. In quel momento, sono stato sfidato a trasferirmi nel reparto scouting del Benfica. Circa un anno fa, il Benfica ha fatto una ristrutturazione nel reparto e sono stato sfidato a guidare e ristrutturare lo scouting del calcio professionistico “.

Scouting: come funziona?

“Il volto della ristrutturazione è la squadra, il globale e il lavoro. Dal presidente a Tiago Pinto e Rui Costa, ci siamo resi conto che dovevamo ristrutturare il reparto. Partiamo dal presupposto che il futuro dovrebbe essere diverso. Il calcio è cambiato, le persone sono altre, per questo abbiamo creato un legame, dove Rui Costa è l’elemento di vertice della gerarchia. C’è un costante allineamento con i vari dipartimenti dove si definiscono strategia, traguardi e obiettivi del Club “.

“Abbiamo definito chi dovevamo assumere per il reparto scouting del Benfica. Abbiamo una squadra di grande esperienza. Poi abbiamo creato un modello piramidale, cioè ogni scout è responsabile dei suoi mercati, in cui valuta e segnala i migliori giocatori, aggiungendo a che gli innumerevoli atleti nominati che vengono da noi settimanalmente dalla persona del Presidente, Rui Costa o Tiago Pinto. Quando c’è una scelta dei migliori giocatori in ogni mercato, si passa a un modello condiviso e, in quel momento, gli scout valuteranno tutti i giocatori. Dopo aver visto e rivisto i giocatori da tutti, spetta a me creare una “squadra ombra” e valutare. Poi Rui Costa, ad esempio, dice che la squadra ha bisogno di una squadra con determinate caratteristiche e spiego e mostro agli atleti che abbiamo nella ‘squadra ombra’ per quella posizione. Poi, tutti insieme, definiamo quali sono i possibili ‘obiettivi’ verso i quali possiamo avanzare “.

Scoperta del prossimo “gioiello della corona”

“Questa situazione ha molto a che fare con gli anni di pratica. Siamo riusciti a fare molti confronti mentali dei giocatori, per capire come è stata la loro graduale evoluzione, cerchiamo anche di capire le questioni biologiche e di maturazione. Più che le abilità, devi avere abilità. ”

Timbro del Benfica

“Il timbro del Benfica è qualcosa che segnala la qualità. Un giocatore del Benfica è un atleta pronto a soddisfare le esigenze della squadra principale, delle varie squadre in Portogallo e anche all’estero. Ci sono molti anni di lavoro per raggiungere questo livello, ma è una verità assoluta. I giocatori che sono passati di qui hanno avuto successo. Il giocatore passa, si dice, ha successo, va all’estero e finisce per portare questo nome oltre confine “.

Il potere persuasivo e l’esempio di Weigl

“Quando i giocatori arrivano al Seixal si rendono conto che non sono numeri, ma individui ed esseri umani. Per esempio, Julian Weigl sa che non è un numero, sa che è un calciatore, che fa parte di una squadra. , e che solo all’interno della squadra potrà funzionare. Molti chiedono come sia possibile sfidare qualcuno che è al Borussia Dortmund a venire al Benfica, ma ci siamo resi conto che c’era una probabilità di successo lì. Sentivamo che avevamo bisogno per rafforzare quella posizione, e il giocatore aveva il livello desiderato. Abbiamo subito seguito quella probabilità. Abbiamo vinto più della concorrenza, ei giocatori, quando arrivano al Benfica, sanno che sono più vicini al successo. Se hanno titoli nella loro carriera, questo è qualcosa che dà loro un bene per l’ego “.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa