Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “Abbiamo fatto una partita bellissima, sono molto soddisfatto”

Il tecnico giallorosso al termine della gara di oggi pomeriggio contro l’Udinese: “Abbiamo fatto una bellissima partita”

Al termine della gara contro l’Udinese, vinta 3-0 dalla Roma, ha parlato il tecnico Paulo Fonseca. Le sue parole:

FONSECA A DAZN

Soddisfatto della gara?
Sì siamo entrati molto bene facendo subito 3 gol, anche se uno non è stato convalidato, nel secondo tempo siamo stati bravi a gestire il risultato. Importante non prendere gol, abbiamo fatto una bellissima partita.

Su Villar? 
Era importante fare forte pressione su De Paul, Villar è stato molto bravo. Anche in fase offensiva è stato bravo.

Mayoral funziona meglio di Dzeko per le vostre caratteristiche, che ne pensa?
Sono giocatori diversi, dipende dalla partita e da come difende la squadra avversaria. Mayoral oggi ha fatto bene, non ha segnato ma ha lavorato tanto in fase difensiva e offensiva. Nel secondo tempo era importante fare entrare Dzeko vista la pressione che stavamo subendo. Penso che entrambi abbiano giocato molto bene.

C’è differenza di rendimento contro le big e le squadre della seconda parte di partita…
Dobbiamo migliorare principalmente i risultati. Con la Juve abbiamo fatto una buona partita con un buon rendimento. Abbiamo sbagliato nell’ultimo momento, ma stiamo lavorando anche per migliorare nelle partite con le grandi. L’importante però è fare i tre punti e oggi lo abbiamo fatto.

Da cosa è dovuta la scelta di aver messo Cristante dietro?
Bryan è un giocatore molto intelligente. Ieri abbiamo avuto un problema con Kumbulla e lo abbiamo fatto giocare in una posizione dove ha giocato molte volte. Oggi ha fatto una buona partita, controllando bene la profondità. E’ un leader che aiuta la squadra a essere corta, è un giocatore che può fare bene in questa posizione come ha fatto sempre.

Veretout grazie a Cristante e Villar è potuto salire di più. Cosa gli ha detto?
Abbiamo parlato dei gol perché io ho una sfida con lui che è il numero di gol: gli ho detto che deve fare più di 10 gol. Lui è a nove gol e gli ho chiesto “Quanto manca?” e lui mi ha detto “Uno”. E’ stata molto importante l’azione di Veretout. Era importante fare arrivare Jordan più avanti, ha fatto tanti movimenti per aprire altri spazi. E’ importante avere lui a fare questo tipo di movimenti.

Cosa avete scommesso con Veretout, una cena?
Niente (ride, ndr).

FONSECA A ROMA TV

Nella ripresa la Roma in difficoltà ma gestisce comunque bene…
Abbiamo fatto due gol nel primo tempo ma penso che abbiamo creato tante occasioni e siamo stati molto aggressivi. Il secondo tempo era importante non prendere gol e penso che tutti i giocatori abbiano fatto molto bene.

La Roma non faceva cosi tanti punti alla 22esima dal 2016-2017…
Sono dati significativi più per voi, per me è importante vincere. Ora dobbiamo pensare al Braga, partita dopo partita.

Squadra reattiva e presente…
La squadra ha dimostrato che sta bene fisicamente, abbiamo fatto una grande partita d’intensità. La squadra sta bene fisicamente.

Il primo tempo di oggi perfetto. Secondo tempo un po’ meno. E’ stato voluto da lei in vista dal Braga?
No, è stata una casualità. E’ normale che l’Udinese ha avuto una forte reazione, ma sempre siamo stati bene difensivamente. Possiamo migliorare l’uscita in attacco ma abbiamo gestito molto bene la gara. Era importante non prendere gol. Questa Udinese le ultime gare aveva fatto molto bene ed è la quinta difesa del campionato. Si abbassano molto per chiudere gli spazi ma nel primo tempo abbiamo fatto offensivamente un’ottima gara.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra