Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Veretout: “Volevamo vincere oggi. Dobbiamo continuare così”

Il centrocampista francese, protagonista oggi grazie alla sua doppietta che ha sbloccato e consolidato il risultato a favore dei giallorossi 

VERETOUT A ROMA TV

Vittoria importante…
Abbiamo perso dei punti a Torino e dovevamo vincere oggi. L’abbiamo fatto in buon modo anche, con un grande primo tempo. Dobbiamo migliorare il secondo tempo. Facciamo bene e prendiamo occasioni troppo facilmente. Dobbiamo continuare cosi.

Doppietta e gol di testa, una perla che ti mancava…
Il mister mi chiede di andare in area, oggi sono andato e ho fatto gol di testa. Ma la cosa più importante è la vittoria e dobbiamo sempre guardare avanti…

Una dedica per San Valentino?
La dedico a mia moglie.

VERETOUT A DAZN

Abbiamo visto una Roma aggressiva…
Contro la Juve abbiamo perso punti e dovevamo recuperare oggi. Abbiamo fatto una buona partita, abbiamo vinto. Dobbiamo continuare a lavorare così. Oggi è stata una bella partita.

La tua partita è stata super…
In Francia ho fatto un gol di testa, il mister mi chiede di andare in area e calciare. Allora ho fatto gol, ma la cosa più importante sono i tre gol.

Cosa ti ha detto il mister quando sei uscito?
Abbiamo un obiettivo e lui mi ha detto una cosa che devo fare in questa stagione. Ci siamo quasi. La cosa più importante è la vittoria di oggi, siamo ancora qua e dobbiamo continuare a lavorare come abbiamo fatto oggi.

Qual è l’obiettivo che ti chiede Fonseca?
E’ tra lui e me, non dico niente. Se lo raggiungo parlerò.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra