Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Kluivert: “Mi immagino al Lipsia ancora a lungo”. Nagelsmann: “Decideremo il da farsi nei prossimi mesi”

Il tecnico del Lipsia parla dell’esterno olandese, arrivato in Germania con la formula del prestito dalla Roma

Justin Kluivert torna a parlare. L’olandese al momento al Lipsia ha rilasciato una lunga intervista a goal.com dove, oltre a raccontare la sua esperienza tedesca, ha spiegato quello che ha imparato con la maglia della Roma. Queste le sue parole:

Sul numero di maglia scelto a Roma
Alla Roma ho scelto il 34 in onore di Appie Nouri. Avevamo pianificato che nella seconda stagione avrei preso l’11, ma era rimasto a Kolarov. Così ho preso il 99, il mio anno di nascita.

Sul trasferimento a Roma
Papà pensava che rimanere un altro anno all’Ajax mi avrebbe fatto bene. È importante ascoltare i consigli dei genitori, ma anche ascoltare sé stessi. Per me era il momento giusto. È stata una mossa che mi ha aiutato molto. Essere di fronte a delle difficoltà per la prima volta nella mia carriera è stato importante, mi ha fatto maturare.

Sull’esperienza al Lipsia e sul suo futuro
Già nel 2018 avevo visitato il centro d’allenamento del Lipsia, non so perché non l’abbia scelto subito, ma ora sono felice di essere qui. Giochiamo ad alto livello in Bundesliga in Champions League. Nagelsmann mi sta rendendo più duttile, mi fa giocare a volte sull’ala, a volte più centrale. Mi piace perché posso giocare ad alto ritmo. Qui c’è più spazio rispetto alla Serie A. Mi immagino al Lipsia ancora a lungo, sono soddisfatto. Voglio dare il massimo fino alla fine della stagione e oltre. Vedremo cosa mi riserverà il futuro.

Ai media tedeschi l’allenatore del Lipsia, Julian Nagelsmann, ha parlato anche di Justin Kluivert, in prestito dalla Roma e di cui recentemente si è parlato di un probabile riscatto da parte del club tedesco:

“Non lo vedo molto durante l’allenamento, anche questo è un problema. Forse è un po’ troppo incline agli infortuni e ha bisogno di essere molto più stabile dal punto di vista del fisico. Con il suo ritmo, il suo background e le sue qualità, sarebbe potuto essere utile contro il Liverpool e in molte partite di Bundesliga. Speriamo che avrà più influenza in questa stagione. Decideremo cosa fare nei prossimi mesi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News